martedì 4 ottobre 2022

Italia
Terni. Inaugurato il nuovo ingresso della Casa Massonica. All’evento il Gran Maestro, il sindaco, il vescovo e alti rappresentanti delle istituzioni/Video

(a cura Redazione "Il sismografo")
Lo scorso 28 settembre sul sito della Massoneria italiana 'Grande Oriente' è apparso la notizia riportata nel titolo di questo post (link) molto inquietante per quanto riguarda la presenza del vescovo di Terni, Francesco Antonio Soddu, nominato da Papa Francesco nell'ottobre 2021, in un evento massonico.
Successivamente il sito tradizionalista "Messa in latino" si è occupato di verificare e amplificare la notizia ponendo alcune domande scontate e importanti, una in particolare: cosa è andato a fare il vescovo Soddu in questo luogo e perché? (Testo di Messa in latino)
Mons. Soddu ha poi precisato: "In merito all’apertura del nuovo ingresso della sede del GOI a Terni, desta stupore, sconcerto e amarezza la lettura strumentale, volutamente equivocata e fraintesa, della presenza del Vescovo Soddu a tale circostanza. La lettura dei fatti, che non ha neanche tenuto conto dei contenuti di quanto il Vescovo ha detto, travisa totalmente il senso della sua presenza che, non identificandosi con un pensiero differente dalla dottrina Cristiana, ha invece ha avuto l’unico scopo di testimoniare la fedeltà al Vangelo e alla Chiesa, soprattutto in questo tempo del percorso Sinodale che la caratterizza."
Ecco la risposta di Messa in latino (link)
***
Una nostra domanda: ma il vescovo Francesco Soddu conosce, o ha mai letto, un documento della Santa Sede del 26 novembre del 1983, intitolato "Dichiarazione sulla Massoneria", che porta la firma di Joseph Card. RATZINGER Prefetto e di Fr. Jérôme Hamer, O.P. Arcivescovo tit. di Lorium, Segretario
Documento vaticano