domenica 29 maggio 2022

Vaticano
Le 47 allocuzioni di Francesco sulla guerra della Russia di Putin contro l'Ucraina dal 27 febbraio al 25 maggio. Testi ufficiali

(a cura Redazione "Il sismografo")
Questo testo è la Seconda parte della raccolta dei 47 interventi pubblici di Papa Francesco sull'aggressione russa contro l'Ucraina voluta e ordinata da Vladimir Putin. Sono allocuzioni pronunciate e documentate ufficialmente sul sito della Santa Sede, tra la domenica 27 febbraio - tre giorni dopo l'inizio della guerra - e mercoledì 25 maggio 2022.
(47) Mercoledì 25 maggio 2022 - Udienza generale.
Saluti ai polacchi - "Saluto cordialmente i polacchi. Ieri abbiamo celebrato la memoria della Beata Vergine Maria Ausiliatrice. Nelle nostre preghiere affidiamoLe in modo particolare il desiderio di pace dell’Ucrainae del mondo intero. La Madre di Dio ci insegni la solidarietà con chi è provato dalla tragedia dellaguerra e ottenga la riconciliazione delle Nazioni. Benedico di cuore voi tutti."
Saluto
(46) Lunedì 23 maggio 2022 - Udienza ai Volontari del Servizio Nazionale di Protezione Civile
 "Non è mancato il vostro impegno per l’assistenza umanitaria e l’accoglienza in Italia dei profughi provenienti dall’Ucraina, specialmente donne e bambini fuggiti da questa guerra assurda. Grazie per quello che avete fatto e che continuate a fare nel silenzio. Il bene non fa rumore ma costruisce il mondo. (...) Le emergenze di questi anni, legate all’accoglienza dei profughi che fuggono da guerre o da cambiamenti climatici, ricordano quanto sia importante incontrare qualcuno che tende la mano, che offre un sorriso, che spende tempo in modo gratuito, che fa sentire a casa. Ogni guerra segna una resa nei confronti della capacità umana di proteggere. Una smentita di ciò che sta scritto nei solenni impegni delle Nazioni Unite. Perciò San Paolo VI, parlando all’ONU, proclamò: «Mai più la guerra!» (4 ottobre 1965). Lo ripetiamo oggi davanti a ciò che accade in Ucraina, e proteggiamo il sogno di pace della gente, il sacro diritto dei popoli alla pace."
(45) Lunedì 17 maggio - Discorso ai Rettori delle Università del Lazio (Italia)
Alle Università, in questo particolare momento storico, è affidato un compito di grande responsabilità. Gli anni della pandemia, il diffondersi in Europa della “terza guerra mondiale” che è incominciata a pezzi e adesso sembra che non sarà a pezzi, la questione ambientale globale, la crescita delle diseguaglianze, ci sfidano in modo inedito e accelerato.Una sfida che ha una forte implicazione culturale, intellettuale e morale. Questo scenario sta davanti alle giovani generazioni, rischiando di generare un clima di scoramento, e di smarrimento, di perdita di fiducia, peggio ancora: di assuefazione. Dobbiamo dirci la verità: siamo in crisi. E la crisi non è una cosa brutta, non è una cosa cattiva: la crisi è buona, perché la crisi ci fa crescere, ci fa fare opzioni per crescere. Il pericolo è quando la crisi si trasforma in conflitto: il conflitto è chiuso e distrugge. 
(44) Domenica 15 maggio 2022 - Regina Caeli 
Saluto le Delegazioni ufficiali di diversi Paesi, in particolare il Signor Presidente della Repubblica Italiana. È bello constatare che, con la loro testimonianza evangelica, questi Santi hanno favorito la crescita spirituale e sociale delle rispettive Nazioni e anche dell’intera famiglia umana. Mentre tristemente nel mondo crescono le distanze e aumentano le tensioni e le guerre, i nuovi Santi ispirino soluzioni di insieme, vie di dialogo, specialmente nei cuori e nelle menti di quanti ricoprono incarichi di grande responsabilità e sono chiamati a essere protagonisti di pace e non di guerra.
(43) Venerdì 13 maggio 2022 - Discorso all'ENAC
"Quant’è importante il vostro lavoro per lo sviluppo di queste relazioni umane e sociali a livello internazionale! Di fronte alla ricorrente tentazione di tornare ad erigere barriere nazionali, risalta ancora di più che la vostra opera è al servizio dell’incontro e della fratellanza. In stridente contrasto con questa prospettiva sono i casi in cui l’aviazione viene usata come strumento di offesa, di distruzione, di morte. Lo stiamo vedendo purtroppo anche in questa terribile guerra in Ucraina, segnata quotidianamente da bombardamenti aerei. Di fronte a questo desolante scenario, preme più forte al nostro cuore la speranza che i cieli siano sempre e soltanto cieli di pace, che si possa volare in pace per stringere e consolidare rapporti di amicizia e di pace. L’aviazione è amicizia, è incontro!"
Discorso all'Ente nazionale italiano per l'Aviazione Civile - 13 maggio 2022
(42) Martedì 10 maggio 2022 - Messaggio del Santo Padre Francesco per la II Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani
 "Il mondo vive un tempo di dura prova, segnato prima dalla tempesta inaspettata e furiosa della pandemia, poi da una guerra che ferisce la pace e lo sviluppo su scala mondiale. Non è casuale che la guerra sia tornata in Europa nel momento in cui la generazione che l’ha vissuta nel secolo scorso sta scomparendo. E queste grandi crisi rischiano di renderci insensibili al fatto che ci sono altre “epidemie” e altre forme diffuse di violenza che minacciano la famiglia umana e la nostra casa comune. Di fronte a tutto ciò, abbiamo bisogno di un cambiamento profondo, di una conversione, che smilitarizzi i cuori, permettendo a ciascuno di riconoscere nell’altro un fratello. E noi, nonni e anziani, abbiamo una grande responsabilità: insegnare alle donne e gli uomini del nostro tempo a vedere gli altri con lo stesso sguardo comprensivo e tenero che rivolgiamo ai nostri nipoti. Abbiamo affinato la nostra umanità nel prenderci cura del prossimo e oggi possiamo essere maestri di un modo di vivere pacifico e attento ai più deboli. La nostra, forse, potrà essere scambiata per debolezza o remissività, ma saranno i miti, non gli aggressivi e i prevaricatori, a ereditare la terra (cfr Mt 5,5)."
Testo del Messaggio
(41) Domenica 8 maggio 2022 - Regina Caeli

"Spiritualmente inginocchiato davanti alla Vergine [di Pompei], le affido l’ardente desiderio di pace di tante popolazioni che in varie parti del mondo soffrono l’insensata sciagura della guerra. Alla Vergine Santa presento in particolare le sofferenze e le lacrime del popolo ucraino. Di fronte alla pazzia della guerra, continuiamo, per favore, a pregare ogni giorno il Rosario per la pace. E preghiamo per i responsabili delle Nazioni, perché non perdano “il fiuto della gente”, che vuole la pace e sa bene che le armi non la portano, mai."
Regina Caeli
(40) Venerdì 6 maggio 2022 - Discorso partecipanti alla sessione plenaria del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani

"Pensiamo al Ruanda, per esempio, 30 anni fa, per dirne una, ma pensiamo al Myanmar, pensiamo… Ma poiché sono lontane, noi non le vediamo, mentre questa è vicina e ci fa reagire –, tanto che io ho spesso parlato di una terza guerra mondiale a pezzetti, sparsa un po’ ovunque. Tuttavia, questa guerra, crudele e insensata come ogni guerra, ha una dimensione maggiore e minaccia il mondo intero, e non può non interpellare la coscienza di ogni cristiano e di ciascuna Chiesa. Dobbiamo chiederci: cosa hanno fatto e cosa possono fare le Chiese per contribuire allo «sviluppo di una comunità mondiale, capace di realizzare la fraternità a partire da popoli e nazioni che vivano l’amicizia sociale» (Enc. Fratelli tutti, 154)? È una domanda a cui dobbiamo pensare insieme. Nel secolo scorso, la consapevolezza che lo scandalo della divisione dei cristiani avesse un peso storico nel generare il male che ha avvelenato il mondo di lutti e ingiustizie aveva mosso le comunità credenti, sotto la guida dello Spirito Santo, a desiderare l’unità per cui il Signore ha pregato e ha dato la vita. Oggi, di fronte alla barbarie della guerra, questo anelito all’unità va nuovamente alimentato. Ignorare le divisioni tra i cristiani, per abitudine o per rassegnazione, significa tollerare quell’inquinamento dei cuori che rende fertile il terreno per i conflitti. L’annuncio del vangelo della pace, quel vangelo che disarma i cuori prima ancora che gli eserciti, sarà più credibile solo se annunciato da cristiani finalmente riconciliati in Gesù, Principe della pace; cristiani animati dal suo messaggio di amore e fraternità universale, che travalica i confini della propria comunità e della propria nazione. Torniamo su quello che ho detto: oggi, o camminiamo insieme o rimarremo fermi. Non si può camminare da soli. Ma non perché è moderno, no: perché lo Spirito Santo ha suscitato questo senso dell’ecumenismo e della fratellanza."
Discorso
(39) Martedì 3 maggio 2022 - Intervista del Papa al Corriere della Sera
Testo completo

Il Pontefice mette in fila tutti i tentativi e ripete più volte che è pronto ad andare a Mosca. «Il primo giorno di guerra ho chiamato il presidente ucraino Zelensky al telefono — dice papa Francesco — Putin invece non l’ho chiamato. L’avevo sentito a dicembre per il mio compleanno ma questa volta no, non ho chiamato. Ho voluto fare un gesto chiaro che tutto il mondo vedesse e per questo sono andato dall’ambasciatore russo. Ho chiesto che mi spiegassero, gli ho detto “per favore fermatevi”. Poi ho chiesto al cardinale Parolin, dopo venti giorni di guerra, di fare arrivare a Putin il messaggio che io ero disposto ad andare a Mosca. Certo, era necessario che il leader del Cremlino concedesse qualche finestrina. Non abbiamo ancora avuto risposta e stiamo ancora insistendo, anche se temo che Putin non possa e voglia fare questo incontro in questo momento. Ma tanta brutalità come si fa a non fermarla? Venticinque anni fa con il Ruanda abbiamo vissuto la stessa cosa».
(38) Domenica 1° maggio 20220 -  Regina Caeli
"Oggi inizia il mese dedicato alla Madre di Dio. Vorrei invitare tutti i fedeli e le comunità a pregare ogni giorno di maggio il Rosario per la pace. Il pensiero va subito alla città ucraina di Mariupol, “città di Maria”, barbaramente bombardata e distrutta. Anche ora, anche da qui, rinnovo la richiesta che siano predisposti corridoi umanitari sicuri per le persone intrappolate nell’acciaieria di quella città. Soffro e piango, pensando alle sofferenze della popolazione ucraina e in particolare ai più deboli, agli anziani e ai bambini. Giungono persino notizie terribili di bambini espulsi e deportati. E mentre si assiste a un macabro regresso di umanità, mi chiedo, insieme a tante persone angosciate, se si stia veramente ricercando la pace; se ci sia la volontà di evitare una continua escalation militare e verbale; se si stia facendo tutto il possibile perché le armi tacciano. Vi prego, non ci si arrenda alla logica della violenza, alla perversa spirale delle armi. Si imbocchi la via del dialogo e della pace! Preghiamo."
Regina Caeli
(37) Mercoledì 27 aprile 2022 - Udienza generale
“Vi chiedo di perseverare nella preghiera incessante per la pace. Tacciano le armi, affinché quelli che hanno il potere di fermare la guerra, sentano il grido di pace dell’intera umanità”
Catechesi in portoghese
(36) Lunedì 25 aprile 2022 - Riunione dei cardinali
(a cura Redazione "Il sismografo") Il Consiglio dei cardinali, riunito in Vaticano dal 25 al 27 aprile, nel comunicato riguardo i suoi lavori in questi giorni precisa: "In seguito, si è aperta la riflessione in merito alla guerra in Ucraina e la conseguente situazione sociopolitica, ecclesiale ed ecumenica. Il Santo Padre ha riferito delle diverse iniziative intraprese da lui, dal Segretario di Stato e dalla Segreteria di Stato per perseguire la pace. Ne è seguito un momento di riflessione tra Membri i quali hanno sostenuto e incoraggiato il Santo Padre nella sua instancabile attività per la soluzione del conflitto in atto."
Comunicato pubblicato il 28 aprile
(35) Domenica 24 aprile 2022 - Saluto di Papa Francesco al Patriarca Kirill - Pasqua Ortodossa
"Possa lo Spirito Santo trasformare i nostri cuori e farci veri operatori di pace, specialmente per l'Ucraina dilaniata dalla guerra, affinché il grande passaggio pasquale dalla morte alla nuova vita in Cristo diventi quanto prima una realtà per il popolo ucraino, che anela a una nuova l'alba che porrà fine all'oscurità della guerra."
Lettera del Papa al Patriarca di Mosca
(34) Domenica 24 aprile 2022. Parole del Papa nel dopo Regina Caeli
"Cari fratelli e sorelle, oggi varie Chiese orientali, cattoliche e ortodosse, e anche diverse comunità latine, celebrano la Pasqua secondo il calendario giuliano. Noi l’abbiamo celebrata domenica scorsa, secondo il calendario gregoriano. Porgo loro i miei auguri più cari: Cristo è risorto, è risorto veramente! Sia Lui a colmare di speranza le buone attese dei cuori. Sia Lui a donare la pace, oltraggiata dalla barbarie della guerra. Proprio oggi ricorrono due mesi dall’inizio di questa guerra: anziché fermarsi, la guerra si è inasprita. È triste che in questi giorni, che sono i più santi e solenni per tutti i cristiani, si senta più il fragore mortale delle armi anziché il suono delle campane che annunciano la risurrezione; ed è triste che le armi stiano sempre più prendendo il posto della parola.
Rinnovo l’appello a una tregua pasquale, segno minimo e tangibile di una volontà di pace. Si arresti l’attacco, per venire incontro alle sofferenze della popolazione stremata; ci si fermi, obbedendo alle parole del Risorto, che il giorno di Pasqua ripete ai suoi discepoli: «Pace a voi!» (Lc 24,36; Gv 20,19.21). A tutti chiedo di accrescere la preghiera per la pace e di avere il coraggio di dire, di manifestare che la pace è possibile. I leader politici, per favore, ascoltino la voce della gente, che vuole la pace, non una escalation del conflitto."
Regina Caeli
***
Prima parte - 33 Allocuzioni del Papa sull'aggressione di Putin contro l'Ucraina tra il 27 febbraio e il 23 aprile 2022

(47) Mercoledì 25 maggio 2022 - Udienza generale.
(46) Lunedì 23 maggio 2022 - Udienza ai Volontari del Servizio Nazionale di Protezione Civile
(45) Lunedì 16 maggio 2022 - Discorso ai Rettori delle Università del Lazio - Italia
(44) Domenica 15 maggio 2022 - Regina Caeli
(43) Venerdì 13 maggio 2022 - Discorso all'ENAC
(42) Martedì 10 maggio 2022 - Messaggio del Santo Padre Francesco per la II Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani
(41) Domenica 8 maggio 2022 - Regina Caeli
(40) Venerdì 6 maggio 2022 - Discoro partecipanti alla sessione plenaria del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani - Discorso
(39) Martedì 3 maggio 2022 - Intervista al Corriere della Sera
(38) Domenica 1° maggio 20220 -  Regina Caeli
(37) Mercoledì 27 aprile 2022 - Udienza generale
(36) Lunedì 25 aprile 2022 - Riunione dei cardinali
(35) Domenica 24 aprile - Saluto di Papa Francesco al Patriarca Kirill - Pasqua Ortodossa
(34) Domenica 24 aprile 2022. - Parole del Papa nel dopo Regina Caeli
(33) Alla Comunità pastorale “Madonna delle Lacrime” da Treviglio (Bergamo)
(32) Simposio “Sulle orme del Cardinale Suenens-Lo Spirito Santo, Maria e la Chiesa”
(31) Venerdì 22 aprile - Intervista del Papa al giornale argentino "La Nación"
(30) Giovedì 21 aprile - Il Papa aderisce a richiesta di tregua pasquale
(29) Domenica 17 aprile 2022. - Messaggio Urbi et Orbi - Pasqua 2022
(28) Sabato 17 aprile 2020. Saluto - Omelia della Veglia Pasquale
(27) Venerdì 16 aprile 2022. - Colloquio di Papa Francesco con "A sua immagine (Rai1)
(26) Mercoledì 13 aprile 2022. - Udienza generale (Settimana Santa)
(25) Martedì 14 aprile 2022 - Messaggio a un pellegrinaggio interreligioso in Ucraina
(24) Domenica 10 aprile 2022 - Angelus della Domenica delle Palme
(23) Domenica 10 aprile 2022 - Messa della Domenica delle Palme - Omelia
(22) Sabato 10 aprile 2022. - Udienza ai Soci del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo
(21) Mercoledì 6 aprile 2022 - Udienza generale
(20) Domenica 3 aprile 2022 - Conferenza stampa al rientro da Malta
(19) Domenica 3 aprile 2022 - Discorso - Visita Centro Migranti Giovanni XXIII (La Valletta - Malta)
(18) Domenica 3 aprile 2022  - Discorso - Visita Centro Migranti Giovanni XXIII (La Valletta - Malta)
(17) Domenica 3 aprile 2022 - Saluto al termine della Messa (La Valletta - Malta)
(16) Sabato 2 aprile 2022 - Omelia (Gozo - Malta)
(15) Mercoledì 30 marzo 2002 - Udienza generale
(14) Domenica 27 marzo - Angelus
(13) Venerdì 25 marzo 2022 - Omelia (Atto di Consagrazione a Maria)
(12) Giovedì 24 marzo 2022 - Discorso
(11) Mercoledì 23 marzo 2022 - Udienza generale
(10) Domenica 20 marzo 2022 - Angelus
(9) Venerdì 18 marzo 2022 - Discorso
(8) Venerdì 18 marzo 2022 - Messaggio
(7) Mercoledì 16 marzo 2022 - Udienza generale
(6) Mercoledì 16 marzo 2022 - Videoconferenza tra Papa Francesco e il Patriarca Kirill
(5) Domenica 13 marzo 2022 - Angelus
(4) Domenica 6 marzo 2022 - Angelus
(3) Mercoledì 2 marzo - Udienza generale
(1) Domenica 27 febbraio 2022 - Angelus