martedì 7 dicembre 2021

Vaticano
Bergoglio la pensa come Dante: quello della carne è il “peccato più lieve”

(luigiaccattoli.it)
“I peccati della carne non sono i più gravi” diceva ieri Francesco sull’aereo: il popolo l’ha sempre saputo e ci sono pure i proverbi ad attestarlo. I moralisti tuttavia fino a ieri alzavano la voce e sostenevano che il peccato di sesso è sempre grave. Da qualche tempo le classifiche sono state riviste ma Francesco è il primo a dirlo da Papa: è l’attacco di un mio articolo pubblicato oggi dal Corriere della Sera a pagina 25 con il titolo: “Con Francesco si torna a Dante. c’è di peggio dei lussuriosi”. Nei commenti riporto l’intero mio testo. (...)