martedì 30 novembre 2021

Vaticano
C’è un vaccino anche per il virus che contagia la Chiesa

(Sandro Magister - Settimo cielo/L'Espresso)
La Chiesa nel mondo e nelleremo. (Anagni, 27 novembre 2021) - Tra la Chiesa e il secolo, dopo la pandemia, è il secondo a vincere, come dice la parola stessa di “secolarizzazione”, che avanza inesorabile, con le chiese sempre più vuote. Ma l’ondata viene da lontano, almeno dagli anni del Concilio Vaticano II, di pari passo con l’eclissi in tutto l’Occidente del paradigma conservatore. La cultura conservatrice sostiene il primato dei doveri piuttosto che dei diritti, il prevalere di logiche sovra-individuali: la nazione, la famiglia, la tradizione, la religione, alle quali l’individuo deve adeguarsi e magari sacrificarsi. Era inevitabile che l’eclissi di tale cultura travolgesse anche la Chiesa, in quanto struttura gerarchica, fatta di precetti e di riti identitari, forgiata come compatto “cattolicesimo romano” dai concili di Trento e del Vaticano I. (...)