mercoledì 3 novembre 2021

Palestina
Nella cornice della Visita del Presidente di Palestina al Papa oggi si sono svolti altri incontri religiosi e culturali

Card. Ayuso Guixot (centro), mons. Akasheh (a destra) e la Delegazione dì Palestina
(R.C. - a cura Redazione "Il sismografo") La delegazione palestinese che accompagna il Presidente dello Stato di Palestina , Mahmoud Abbas, in occasione della sua visita ufficiale a Roma (Italia) e in Vaticano (domani) ha concordato con Ufficiali vaticani l'attivazione dell'Accordo Globale tra la Santa Sede e lo Stato di Palestina firmato il 26 giugno 2015. Al tempo stesso, secondo l'agenzia di stampa palestinese WAFA, le parti desiderano approfondire il dialogo tra lo Stato di Palestina e la Sede Apostolica in conformità con l'Appello alla Fratellanza umana firmato negli Emirati Arabi Uniti tra Papa Francesco e il Grande Imam di al-Azhar, Aḥmad al-Ṭayyeb. In Vaticano, la Delegazione palestinese ha avuto incontri con il Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, cardinale Miguel Angel Ayuso Guixot, e con il Capo Ufficio per l'Islam del medesimo dicastero, monsignor Khaled Akasheh. Il gruppo della Palestina era guidato per l'occasione dal Consigliere del Presidente Abbas per gli Affari religiosi e le relazioni islamiche, il giudice capo Mahmoud Al-Habbash. Nell'incontro hanno preso parte inoltre il Direttore generale del Fondo nazionale palestinese, Ramzi Khoury, e l'ambasciatore della Palestina in Vaticano, Issa Kassissieh. Le due parti hanno concordato una nuova riunione del comitato congiunto in Palestina, nella prima metà del prossimo anno, per concordare un programma dettagliato su temi del dialogo religioso e culturale sulla base di concetti condivisi e della centralità della Città Santa Gerusalemme.