mercoledì 1 settembre 2021

Vaticano
Se alla fine del processso il card. Becciu è dichiarato innocente, che cosa succederà con lui? E poi che cosa è la presunzione d'innocenza affettiva?

(R.C. - a cura Redazione "Il sismografo")
Se alla fine del processo contro "Becciu + 9", il porporato sardo venisse dichiarato innocente, come si procederà? Il Santo Padre ha detto nell'intervista alla Cope: "Io spero di tutto cuore che sia innocente". Il Papa aveva ricevuto una domanda precisa sulla questione: Che cosa teme di più, che [Becciu] sia dichiarato colpevole o innocente, tenendo conto che lei stesso ha dato il permesso per sottoporlo a giudizio?
La risposta completa di Papa Bergoglio, secondo la traduzione dallo spagnolo all'italiano fornita dall'Osservatore Romano è stata questa, pronunciata mentre consultava degli appunti che aveva sul tavolo:
"È sottoposto a giudizio secondo la legislazione vaticana. Un tempo i giudici dei cardinali non erano i giudici di Stato come avviene oggi ma il capo dello Stato. Io spero di tutto cuore che sia innocente. Tra l’altro è stato un mio collaboratore e mi ha aiutato molto. È una persona che stimo molto, ossia il mio auspicio è che ne esca bene. Ma, diciamolo, è una maniera affettiva della presunzione d’innocenza. Oltre alla presunzione d’innocenza, ho voglia che ne esca bene. Sarà però la giustizia a decidere."
Il Pontefice dice e non dice molte cose e altre sono un po' criptiche come quella fuori da ogni principio giuridico che presenta come "maniera affettiva della presunzione d’innocenza", concetto nuovissimo in giurisprudenza.
La cosa però più interessante è questa: e se Becciu viene dichiarato innocente, riavrà i diritti e prerogative tolte o sospese? Sarà nominato ancora una volta Prefetto? e in quel caso cosa farà il cardinale Marcello Semeraro?