martedì 27 luglio 2021

Vaticano
Il giudizio universale di Francesco: tutti i rischi del processo in Vaticano

(Emiliano Fittipaldi, Domani) È la prima volta che un pontefice, teocrate dello stato della città del Vaticano, manda alla sbarra un potente cardinale finito in disgrazia (Angelo Becciu), fino a un anno fa suo fidato collaboratore e considerato, da quasi due lustri, il più influente monsignore della curia romana. È un unicum anche la decisione di provare a fare luce sugli investimenti fatti con l’Obolo di san Pietro, decine di milioni l’anno che invece di essere spesi per gli ultimi vengono reinvestiti (dai tempi di Giovanni Paolo II, va ricordato) sui mercati finanziari e su operazioni altamente speculative. (...)