martedì 20 febbraio 2018

Vatican News
Martedì 20 febbraio
(Roberta Gisotti ) “La sete di Gesù”, segno della sete esistenziale dell’uomo, al centro della quinta meditazione degli Esercizi spirituali per il Papa e la Curia romana, predicati in questi giorni ad Ariccia dal teologo e poeta portoghese, don Josè Tolentino de Mendonça. La sete di Gesù, quella corporale nell’ora del Calvario, “prova della sua incarnazione” e “segno del realismo della sua morte” e quella simbolica e spirituale è la “vitale chiave di accesso” – ha sottolineato don Tolentino de Mendonça - per cogliere il senso profondo della sua vita e della sua morte. L’evangelista Giovanni - ha spiegato - oltre che nel racconto del Calvario, riporta tre volte l’espressione ‘avere sete’. (...)