venerdì 23 febbraio 2018

Germania
(a cura Redazione "Il sismografo")
Quattro sacerdoti uccisi dall'inizio del 2018: uno ogni 14 giorni
(LB) Ieri sera a Berlino, ma la notizia è stata diffusa poca fa, è stato ucciso il sacerdote congolese di 54 anni (Repubblica del Congo), padre Alain-Florent Gandoulou, parroco della chiesa cattolica francofona della città capitale della Germania. I particolari del delitto non sono stati completamente comunicati. Per ora la polizia si limita a parlare di un cadavere trovato nella parrocchia e di una violenta lite fra due uomini nell'ufficio del parroco.
Gli inquirenti per ora non confermano l'identità della vittima e tutto al più ammettono che si tratta di un sacerdote. Oggi, a mezzogiorno, sarebbe stato arrestato un uomo che si trovava inspiegabilmente sul tetto di un edificio vicino ai fatti.
Questa parrocchia francofona è stata creata subito dopo la Seconda guerra mondiale per offrire servizio religioso ai soldati francesi nella zona di Berlino Ovest. Negli ultimi anni questo luogo di culto diventò invece la parrocchia degli africani cattolici di lingua francese residenti a Berlino.
Quarto sacerdote ucciso dall'inizio dell'anno 2018
AFRICA[1]
- Malawi (1)
p. Tony Mukomba (morto il 18 gennaio )
AMERICA[2]
- Messico (2)
p. Germain Muñiz García (morto il 5 febbraio)
p. Iván Añorve Jaimes (morto il 5 febbraio)
EUROPA[1]
- Germania (1)
p. Alain-Florent Gandoulou (morto il 22 febbraio)