martedì 26 settembre 2017

Vaticano
(a cura Redazione "Il sismografo")
*** Udienza
*** Messa a Santa Marta. Come una famiglia 
È «familiarità» la parola chiave dell’omelia tenuta da Papa Francesco durante la messa celebrata a Santa Marta martedì 26 settembre. Il centro è la prospettiva che ogni cristiano ha di «sentirsi famiglia di Gesù», vivere in «vicinanza» con lui ogni momento della giornata, anche quelli apparentemente più banali.
È stato proprio Gesù a offrire questa opportunità a ogni uomo, facendo egli stesso — ha detto il Pontefice — «un passo in più nella vicinanza che ha con noi». È quanto emerge chiaramente dal vangelo del giorno (Luca, 8, 19-21) nel quale si legge che «Gesù era con tanta folla a predicare» mentre «venne la sua famiglia» a trovarlo.
«E quando gli dicono che c’è lì sua madre, i suoi parenti, la sua famiglia», Gesù «allarga il concetto e dice: “Questa è la mia famiglia, loro, e questa, tutti, tutti quelli che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica”». Ecco, ha spiegato il Papa, il «passo in più» che fa Gesù. il quale afferma: «Io ho una famiglia più larga di quella piccola nella quale sono venuto al mondo». In questo modo egli «ci fa pensare a noi che siamo la sua famiglia», cioè coloro «che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica».
Un gesto, quello di Gesù, che rimanda «al concetto di familiarità con Dio, di familiarità con Gesù». Infatti, ha detto Francesco, «noi possiamo essere discepoli, possiamo essere amici ma essere famigliari è più ancora». C’è un salto di qualità se si ripensa al «primo comandamento che abbiamo ricevuto nella persona del nostro padre Abramo», ossia: «Cammina nella mia presenza e sii irreprensibile». Oggi quel comandamento «è cresciuto ed è più grande, è più largo: “Ascolta la parola di Dio. Mettila in pratica, così sarai la mia famiglia, avrai familiarità con me”».
L'Osservatore Romano

*** Intervento del Capo Delegazione della Santa Sede all’Onu sulla pace e una vita dignitosa sul piano sostenibile
(Testo)
*** Intervento del Segretario per i Rapporti con gli Stati alla Fordham University di New York

(Testo)
Tweet 
- "Impegniamoci per un mondo senza armi nucleari, applicando il Trattato di non proliferazione per abolire questi strumenti di morte." (martedì 26 settembre 2017)