giovedì 13 luglio 2017

caffestoria.it
(Simone M. Varisco) C’è una stazione, a Milano, che non è soltanto un esempio della monumentalità dell’architettura fascista. Racconta delle speranze e delle sofferenze di intere generazioni, della caparbietà del genio femminile e della straordinaria modernità di certe donne nella Chiesa. *** Nel trambusto che accompagna ogni viaggio è facile che qualcosa passi inosservato. Oggetti dimenticati a casa, certo, ma soprattutto i volti e i dettagli dei luoghi che si attraversano prima di arrivare a destinazione (...)