venerdì 14 luglio 2017

Italia
L’ultimo saluto a Franzoni, Maestro del dialogo
Riforma
(Gian Mario Gillio) «A nome degli evangelici italiani e mio personale – ricorda attraverso l’agenzia stampa Nev il presidente della federazione delle chiese evangeliche in italia (Fcei), il pastore Luca Maria Negro – desidero esprimere alla Comunità di san Paolo e a tutto il movimento delle Comunità cristiane di base i nostri sentimenti di simpatia cristiana per la scomparsa di Giovanni Franzoni. Giovanni è stato una figura profetica, un grande testimone non solo della stagione conciliare (come abate di San Paolo a Roma è stato il più giovane dei “padri conciliari” nelle ultime due sessioni del Vaticano II), del rinnovamento della teologia cattolica e dell’impegno dei cristiani nella società, ma anche dell’ecumenismo, soprattutto attraverso la rivista ecumenica “Com Nuovi Tempi” (oggi mensile “Confronti”), nata nel 1974 dalla fusione del settimanale di area cattolica “Com” con l’evangelico “Nuovi Tempi”; un progetto ecumenico, questo, che la Fcei ha sempre sostenuto con convinzione. (...)