sabato 29 luglio 2017

Colombia
Papa Francesco in Colombia: i luoghi del viaggio. Il Santo Padre a Villavicencio nel ricordo delle vittime dei conflitti, implorando la pace e la riconciliazione (12)
(a cura Redazione "Il sismografo")
(Luis Badilla - Francesco Gagliano - ©copyright) La tappa di Papa Francesco nella città di Villavicencio, venerdì 8 settembre, dove arriverà in aereo da Bogotà alla Base Aérea de Apiay, sarà un dei momenti più forti e simbolici di questo suo 20.mo Pellegrinaggio internazionale. Qui il Pontefice, alle 9.30 (in Italia le 16.30), celebrerà la Santa Messa (Parco Las Malacas) nel corso della quale saranno beatificati due sacerdoti martiri, vittimi delle lunghe guerre civili: il vescovo di Arauca Jesús Emilio Jaramillo Monsalve, assassinato dall'Esercito di Liberazione Nazionale il 2 ottobre 1989 e il sacerdote Pedro María Ramírez Ramos, ucciso il 10 aprile 1948. (Biografie)
Nel pomeriggio della stessa giornata si terrà un secondo appuntamento, molto atteso fuori e dentro della Colombia e al quale la stragrande maggioranza dei colombiani attribuisce grande rilievo:
- Il grande incontro di preghiera per la riconciliazione nazionale, seguito da un importante discorso di Papa Francesco (in italia le prime ore del 9 settembre);
- Sosta di preghiera, insieme con centinaia di bambini, presso la Croce della Riconciliazione, presso il "Parque de los Fundadores".
Base Aérea Capitán Luis F. Gómez Niño (Base Aérea de Apiay)
La base aerea colombiana "Capitán Luis Fernando Gómez Niño" è conosciuta anche come "Apiay Air Base (Base Aérea de Apiay)" ed è la sede del Comando Combattimento Aereo 2 (Comando Aéreo de Combate N°2 o CACOM 2) dell'Aeronautica militare della Colombia. la Base ospita inoltre membri dell'Esercito di terra e della Marina nonché militari degli Stati Uniti che fanno parte dei programmi di militari tra USA e Colombia. Questa cooperazion non è altro cge il conosciuto "Plan Colombia" che da diversi anni porta a compimento azioni destinate a combattere il narcotraffico. La Base è servita anche in numerose altre operazioni per combattere i gruppi armati.
La sede di questo speciale Comando Aereo di combattimento è stata istituito nel 1933, nella giungla, con il nome di base San José del Guaviare. Nel dicembre del 1947 si la Base venne trasferita presso il villaggio di Apiay, a 12 km da Villavicencio, diventando l'Aerodromo Nacional de Apiay. Nel 1959 l'unità militare è stata elevata alla categoria "base principale". Il centro venne nominato "Comando Aéreo de Bombardeo". Infine, questa Base nel 1961 è stato nominata "Luis F. Gómez Niño Air Base" per rendere omaggio al capitano Luis F. Gómez Niño (1896-1934)
La base aerea si trova a 377 metri al di sopra del livello del mare. Ha una pista di asfalto (2.501 m × 50 m).
Il Parco di Las Malocas

Questo parco è una delle principali aree verdi della città ed è un polo di attrazione turistica anche perché ha dedicato un settore all'approfondimento della storia, degli usi e dei costumi, della popolazione della pianura, la regione dove sorge Villavicencio.
Attraverso allestimenti e ricostruzioni è possibile muoversi per varie ambienti tematici che riproducono la vita tipica degli allevatori e dei coltivatori di questa fascia del paese nota come "Los llanos", le pianure, noché personaggi della storia, delle leggende e del folklore locale. Inoltre sono curate delle vere e proprie oasi di flora e fauna locale.
Dopo l'incontro di preghiera per la riconciliazione nazionale il programma della giornata a Villavicencio del Papa prevede un secondo atto dedicato alla riconciliazione: la sosta alla Croce della Riconciliazione nel Parque de los Fundadores
Parco dei Fondatori 
Con i suoi 6 ettari di estensione il Parco dei Fondatori è il più grande di Villavicencio, deve il suo nome al monumento, opera dell'artista Rodrigo Arenas Betancourt e dedicato ai fondatori della città, che sorge in una piccola piazza del centro del parco. Una fontana, un percorso ciclabile e altre strutture sportive per il relax dei cittadini completano il profilo di questo parco urbano di Villavicencio. 
Francesco pregherà per tutte le vittime: 
almeno 8 milioni
Papa Francesco pregherà per tutti le vittime dei conflitti interni colombiani, vittime che tra morti, feriti, scomparsi, sfollati, esuli, mutilati ... sono almeno 8 milioni. Solo i morti dal 1948 ad oggi sono oltre 520mila (300mila tra il 1948-1958 e 220mila dal 1960 al 2017). La Colombia è il Paese con la maggiore quantità di sfollati (profughi all'interno del proprio Paese) al mondo: 7 milioni.
Con il Papa pregheranno ai piedi della Croce della Riconciliazione 400 bambini di tutto il Paese, orfani, malati di VHS, disabili, mutilati dalle mine antiuomo, piccoli aborigeni di comunità marginali, bimbi salvati dall'aborto.

*** 
In Colombia con Papa Francesco comincerà il cammino verso la VI Conferenza generale degli Episcopati  dell'America Latina (a cura Redazione "Il sismografo")
***
(10) Papa Francesco in Colombia. I luoghi del viaggio. Nella Nunziatura di Bogotá incontro con i membri del Comitato direttivo del CELAM
(11) Papa in Colombia: i luoghi della visita di Papa Francesco a Bogotà. La Messa nel Parco "Simón Bolívar"