domenica 29 maggio 2016

Vaticano
I saluti del Santo Padre prima dell'Angelus

(a cura Redazione "Il Sismografo")
"I bambini siriani invitano i bambini di tutto il mondo ad unirsi alla loro preghiera per la pace".
Al termine di questa celebrazione desidero rivolgere uno speciale saluto a voi, cari Diaconi, venuti dall’Italia e da diversi Paesi. Grazie della vostra presenza oggi, ma soprattutto della vostra presenza nella Chiesa!
Saluto tutti i pellegrini, in particolare l’Associazione europea degli Schützen storici; i partecipanti al “Cammino del Perdono” promosso dal Movimento Celestiniano; e l’Associazione Nazionale per la Tutela delle Energie Rinnovabili, impegnata in un’opera di educazione alla cura del creato.
Ricordo inoltre l’odierna Giornata Nazionale del Sollievo, finalizzata ad aiutare le persone a vivere bene la fase finale dell’esistenza terrena; come pure il tradizionale pellegrinaggio che si compie oggi in Polonia al Santuario mariano di Piekary: la Madre della Misericordia sostenga le famiglie e i giovani in cammino verso la Giornata Mondiale di Cracovia.
Mercoledì prossimo, 1° giugno, in occasione della Giornata Internazionale del Bambino, le comunità cristiane della Siria, sia cattoliche che ortodosse, vivranno insieme una speciale preghiera per la pace, che avrà come protagonisti proprio i bambini. I bambini siriani invitano i bambini di tutto il mondo ad unirsi alla loro preghiera per la pace.
Invochiamo per queste intenzioni l’intercessione della Vergine Maria, mentre affidiamo a lei la vita e il ministero di tutti i Diaconi del mondo.
Angelus Domini