mercoledì 17 novembre 2021

Vaticano
Caso Becciu, per le difese senza il verbale del Papa il processo è nullo

(Maria Antonietta Calabrò, HuffPost)
Francesco rese noto pubblicamente come era iniziata l’inchiesta, il 26 novembre del 2019 durante il volo dalla Thailandia al Giappone -- La difesa degli imputati del processo contro Angelo Becciu e finanzieri e brokers accusati di aver causato un danno di decine e decine di milioni alle finanze vaticane hanno alzato il tiro contro il Papa. In particolare l’ avvocato Luigi Panella che rappresenta Enrico Crasso (il finanziere che per trent’anni ha gestito i soldi della segreteria di Stato e che ha presentato una memoria e una perizia sui video depositati approntati dal professionista che ha fatto le perizie anche nel caso Palamara) ha chiesto come mai non è agli atti un verbale delle dichiarazioni che il Pontefice avrebbe rilasciato ai promotori di giustizia sull’ affare di Londra, in relazione alla presunta estorsione di Crasso e Torzi. Nell’audiovideo dell’interrogatorio del 29 aprile 2020 cui è stato sottoposto, come indagato e alla presenza del suo difensore, monsignor Alberto Perlasca, (...)