mercoledì 17 novembre 2021

Stati Uniti
A proposito di Andy. Il Vangelo secondo Warhol

(Antonio Spadaro - repubblica.it)
Andy Warhol è la quintessenza dell'artista pop. Ma se qualcuno crede che le sue radici siano rizomi superficiali, allora si sbaglia. E non di poco. La natura iconica delle sue rappresentazioni, infatti, è letterale: discendono dalle icone delle tradizioni tardo bizantina e russo ortodossa. Al Brooklyn Museum una mostra dal titolo Andy arhol: Revelation (fino al 19 giugno) ce lo spiega bene. Il curatore, José Carlos Diaz, ci dice che essa «esplora il rapporto di tutta la vita dell'artista con la sua fede che appare frequentemente nelle sue opere d'arte». Non si tratta di una novità. Il tema è stato trattato da Jane Daggett Dillenbergerinun volume del 2001, ed è appena uscito un saggio sull'argomento a firma di Michele Dolz, edito da Ares. A Roma il Chiostro del Bramante nel 2006 aveva ospitato una mostra sulla religiosità di Warhol che ha esibito circa 80 opere. (...)