martedì 23 novembre 2021

Serbia
Il Patriarca ortodosso serbo Porfirio ha ricevuto in visita ufficiale mons. Paul Gallagher

Mons. Gallagher: "Mi auguro che questo sia l'inizio di un ulteriore progresso che unirà i cristiani, sia di tradizione ortodossa che cattolica, al servizio dell'umanità e alla predicazione del Vangelo, che è la ragione della nostra esistenza come Chiese cristiane"
(Patriarcato ortodosso serbo - traduzione di lavoro) Sua Santità il Patriarca di Serbia Porfirio si è incontrato il 23 novembre 2021 nel Monastero del Santo Arcangelo a Kovilj con l'Arcivescovo Paul Gallagher, Segretario della Santa Sede per i Rapporti con gli Stati.
All'incontro hanno partecipato i Rev.mi Mons. Jerotej di Toplica e Sava di Marcana, Capo di Gabinetto del Patriarca Serbo, Ambasciatore della Repubblica di Serbia presso la Santa Sede, Prof. Dr. Sima Avramović e Dr. Bogdan Lubardić, professore presso la Facoltà teologica ortodossa di Belgrado.
Dopo l'incontro, Mons. Gallagher ha sottolineato:
- È un grande piacere essere qui oggi. Sono molto grato a Sua Santità il Patriarca per avermi ricevuto. Siamo qui da tre giorni, ma sicuramente dal punto di vista delle nostre comunicazioni, dei nostri rapporti con la Chiesa ortodossa serba, questo è il coronamento della mia visita. Ho trasmesso i saluti e l'affetto fraterno di Sua Santità Papa Francesco al Patriarca Porfirio, con il quale si è incontrato e per il quale ha grande stima. Sono entrambe persone di grande fede e quella fede è stata davvero l'argomento della nostra conversazione questa mattina. Abbiamo parlato del dialogo tra le nostre Chiese, delle relazioni tra le Chiese nel mondo, della situazione politica generale nel mondo, della politica regionale ed europea e di altri temi. Penso che sia stato uno scambio di opinioni molto positivo. Ciò riflette il grande rispetto che esiste tra la Chiesa cattolica romana e la Chiesa ortodossa serba. Penso che questo sia un passo avanti molto significativo che conferma l'impegno che è esistito a diversi livelli, con dialoghi formali e scambi di opinioni. Mi auguro che questo sia l'inizio di un ulteriore progresso che unirà i cristiani, sia di tradizione ortodossa che cattolica, al servizio dell'umanità e alla predicazione del Vangelo, che è la ragione della nostra esistenza come Chiese cristiane.
Esprimendo gioia per l'incontro con l'alto ospite, il Patriarca serbo Porfirio ha sottolineato:
- Sono lieto che oggi ci abbia visitato il Segretario del Vaticano - Santa Sede per i Rapporti con gli Stati - diremmo semplicemente il Ministro degli Affari Esteri del Vaticano - tanto più che oggi abbiamo avuto un incontro ufficiale qui nel monastero di Kovilj, che è un simbolo di pace. Vale a dire, il monastero di Kovilj è stato fondato sul luogo in cui si sono riconciliati due eserciti, l'esercito ungherese e l'esercito serbo al tempo di San Sava, che ha mediato nell'instaurazione della pace tra i due eserciti. Il monastero è stato costruito in questo luogo come simbolo di pace. La visita e il colloquio di oggi si sono svolti in quello spirito, nello spirito del Vangelo di Cristo. Abbiamo, naturalmente, discusso di tutte le sfide che devono affrontare le nostre Chiese, vale a dire le sfide dell'uomo moderno, così come la necessità di una comune testimonianza del Vangelo nel mondo moderno. Abbiamo concluso che il sistema di valori che il Vangelo porta e testimonia, e le Chiese sono chiamate a testimoniarlo, è in qualche modo diverso da molti altri sistemi offerti all'uomo moderno. Il sistema di valori, che noi come Chiese predichiamo e offriamo, è ugualmente moderno oggi, anche se ha duemila anni - ed è più necessario all'uomo moderno. Tutti coloro che affrontano le sfide, siano essi la Chiesa o le nazioni, hanno soprattutto bisogno di Cristo che è portatore di pace. Le discordie tra gli stati, le discordie tra le persone, a volte le incomprensioni tra le Chiese e le incomprensioni all'interno di una Chiesa, sono una conseguenza dell'oblio di Cristo e del tentativo di regolare il mondo con i nostri valori, la nostra nuda mente umana. Non è possibile ottenere alcuna pace se non abbiamo pace dentro di noi, e quella pace non è possibile se non abbiamo comunione e comunione con Dio. Solo quando costruiamo comunità e comunione con Dio possiamo avere pace in noi stessi, e allora quella pace si diffonderà intorno a noi, allora stabiliremo la pace con le altre persone, avremo pace con la creazione, e quindi la creazione non si vendicherà contro di noi. atteggiamento nei suoi confronti. In questo senso, vediamo molti problemi ambientali, inclusa la pandemia che stiamo affrontando. E qui la natura per noi è sacra. Pertanto, non importa quanto materiali fossero i problemi, non importa quanto riguardassero il nostro corpo, c'è sempre un campo spirituale sullo sfondo di tutti i problemi, o per meglio dire risolvere i problemi, su cui dovremmo vincere la battaglia, e quella battaglia non si può vincere senza l'aiuto di Dio. Di questo abbiamo parlato e abbiamo concordato e compreso: per fare il bene di un individuo e di un uomo e per il bene dell'intero genere umano, dell'intero pianeta, dobbiamo cooperare, lavorare insieme gli uni con gli altri, soprattutto noi cristiani . Non abbiamo bisogno di fare uno sforzo per capirci come cristiani. Certo, dobbiamo collaborare con persone che appartengono ad altre religioni, ma anche con coloro che sentono di non avere bisogno di Dio e si dichiarano miscredenti. Così, abbiamo capito e affermato a cosa ci chiama il Vangelo e a cosa ci chiamano le nostre Chiese: nessuno può fare a meno dell'altro, e tutti hanno bisogno dell'altro, e questo significa il nostro prossimo perché possiamo crescere come genere umano e come umanità.