martedì 14 gennaio 2020

Libero
"Nel 2015 abbiamo comprato da Fayard 10.000 libri di Sarah in francese per distribuirli in Africa, il continente d'origine del cardinale", spiega un portavoce dei Cavalieri di Colombo
A fianco di Papa Francesco c'è chi lavora ai fianchi per sottrargli il posto. Si chiama Robert Sarah, il cardinale africano che a Roma lavora per Bergoglio, a capo della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, ma che in Francia è tra i principali oppositori delle sue idee. Il 79enne della Guinea - racconta Il Fatto Quotidiano - già si immagina come il primo "Papa nero" e, sfruttando le proprie origini africane, concede spesso interviste contro l'accoglienza dei migranti, escamotage per contestare frontalmente il messaggio del Papa senza poter essere accusato di razzismo. Sarah, tra i tanti impieghi, annovera anche la pubblicazione di diversi libri. Testi finanziati tutti dall'estrema destra anti-Francesco, quella frangia del popolo che desidera la caduta e le dimissione del Santo Padre. Le Soir approche et déjà le jour baisse (La sera si avvicina e il giorno sta finendo) è il titolo della serie, formata da tre pubblicazioni, che ha attirato l'attenzione della destra cattolica e islamofoba. Non solo, questi tre libri sono stati realizzati con l'aiuto della casa editrice Fayard e scritti a quattro mani con Nicolas Diat (...)