giovedì 23 gennaio 2020

Italia Vatican Insider
(Salvatore Cernuzio) Il presidente Cei a Palazzo Madama: «Doveroso condividere le responsabilità nell’UE». Citofonata di Salvini: «I principi umani valgono per tutti». Il ministro Lamorgese: «Prendere le distanze da linguaggi di intolleranza». È un «falso dilemma» quello dei «porti chiusi-porti aperti», «il problema non è il numero ma la cattiva accoglienza». Mentre rinfocolano le polemiche sull’integrazione degli stranieri, dopo il gesto di ieri del leader della Lega Matteo Salvini di citofonare ad una famiglia tunisina di Bologna per chiedere se il figlio minorenne spacciasse, il presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, interviene per la prima volta in Senato e tocca i nervi scoperti della moderna diatriba sulla questione migratoria. L’arcivescovo di Perugia siede a fianco alla ministra dell’interno, Luciana Lamorgese, e al questore Antonio De Poli, nella prestigiosa Sala Koch di Palazzo Madama per un incontro promosso dall’Ente Nazionale del Microcredito sul tema dei migranti (...)