domenica 22 settembre 2019

(a cura Redazione "Il sismografo")
Mons. Piñera - 2018 - Festa per i suoi 103 anni (Archivio)
(LB) Anche se sotto indagine per una recente denuncia che lo accusa di presunte molestie sessuali avvenute alcuni decenni fa, mons. Bernardino Piñera Carvallo, il vescovo cattolico più anziano del mondo, compie oggi 104 anni circondato da molto affetto, insieme a tanti amici. Il prelato, zio dell'attuale Presidente del Cile e del Ministro dell'interno, ben voluto e rispettato nel suo Paese e anche all'estero, ha respinto le accuse e a più riprese ha dichiarato di essere sereno e a posto con la sua coscienza. Mons. Piñera, arcivescovo ma medico prima di entrare in seminario, è  nato a Parigi il 22 settembre 1915.
La sua pagina Wikipedia ricorda: "Nel 1947 si laureò in teologia e nel 1948 in medicina alla Pontificia università cattolica del Cile e prese la specializzazione medica a Cleveland in Ohio. Il 5 aprile 1947 venne ordinato sacerdote dall'arcivescovo di Santiago José María Caro Rodríguez. Ricoprì l'incarico di assessore generale della sezione cilena dell'Azione Cattolica e assessore nazionale della Juventud Católica Femenina; venne nominato anche vicerettore della Pontificia università cattolica del Cile dal 1950 al 1953. Nel 1957 venne nominato cameriere segreto di Sua Santità, dal 1960 al 1977 ricoprì l'incarico di Gran cancelliere dell'Università cattolica di Temuco. Come incarichi episcopali, venne nominato nel 1960 vescovo di Temuco da papa Giovanni XXIII e dal 1962 al 1965 partecipò al Concilio Vaticano II e rinunciò alla diocesi nel 1977. Nel 1983 venne nominato da papa Giovanni Paolo II arcivescovo di La Serena e nel 1984 amministratore apostolico ad nutum Sanctae Sedis di Illapel. Fu presidente della Conferenza Episcopale del Cile dal 1983 al 1987. A 75 anni, nel 1990, ha rinunciato al governo dell'arcidiocesi ed è divenuto arcivescovo emerito. Oggi vive nella capitale cilena nella Casa de Acogida de las Hermanitas de los Pobres."