sabato 25 maggio 2019

Afghanistan
In Afghanistan 2 milioni di bimbi malnutriti
L'Osservatore Romano
Due milioni di bambini afghani sotto i 5 anni di età soffrono di malnutrizione acuta. Di questi, 600 mila sono affetti dalla forma più grave e quindi in estrema situazione di pericolo. A fornire le cifre è l’Unicef, che ricorda come il paese sia uno dei più colpiti da questo fenomeno, assieme a Yemen e Sud Sudan.
Un bambino con malnutrizione acuta grave, spiega l’Unicef, ha probabilità undici volte maggiori di morire rispetto a un coetaneo in salute. La malnutrizione acuta riduce la resistenza alle malattie. In Afghanistan solo 1 bambino su 2 è vaccinato. Le conseguenze comprendono anche danni fisici e cognitivi che permangono durante tutta l’esistenza. Nel 2018 l’organizzazione internazionale, unico fornitore di alimenti terapeutici pronti all’uso per i bambini malnutriti in Afghanistan, ha potuto raggiungere meno del 50 per cento dei bambini con malnutrizione grave a causa delle scorte limitate. ‎Per il 2019, l’obiettivo è di raggiungere il 60 per cento di questi bambini: «Non riusciremo a raggiungerli però se — entro tre settimane — non riceveremo i sette milioni di dollari richiesti, pari a 107.000 scatole di alimenti terapeutici pronto all’uso. Se non riceveremo questi fondi entro tre settimane non potremo procurare, portare e distribuire gli aiuti richiesti alle 1300 strutture sanitarie supportate dall’Unicef.
L'Osservatore Romano, 25-26 maggio 2019