mercoledì 28 marzo 2018

(a cura Redazione "Il sismografo")
Ieri, rilanciando un servizio di "Religión Digital" (Spagna) abbiamo informato sul curioso post pubblicato sul  blog personale di padre Bernd Hagenkord, capo del programma tedesco della Radio Vaticana, con il quale giorni fa ha cercato di difendere il suo ex capo mons. D. E. Viganò in merito alla lettera di J. Ratzinger manipolata. Abbiamo scritto che il gesuita tedesco aveva detto che la diffusione di parte della lettera di Benedetto XVI era stata concordata tra mons. Viganò e il Papa emerito. In molti ci hanno scritto per farci notare che p. Hagenkord non diceva questo e che in risposta ad un commento si domandava, quasi come ipotesi accademica, "e se (la pubblicazione) fosse stata concordata?"
La realtà però è diversa come dimostra uno screenshot catturato da molti tedeschi. Padre Bernd Hagenkord, nella prima versione, da lui poi corretta con una semplice cancellazione, ha scritto: "Aich die Teilveröffentlichung war abgesprochen - Anche la pubblicazione in parte è stata concordata". 
Ciò dimostra che non è vero che "il gesuita non ha mai detto quanto gli viene attribuito". No. Lo ha scritto ma poi lo ha cancellato.
Dunque noi abbiamo detto la verità. Non abbiamo inventato nulla. Non è il nostro stile.
(Luis Badilla)
Il nostro post di ieri:
La lettera di Benedetto XVI tagliata è frutto di un accordo di mons. Viganò con il Papa emerito (a cura Redazione "Il sismografo")