domenica 14 gennaio 2018

Vaticano
(a cura Redazione "Il sismografo")
Quello in Cile sarà il  Volo papale 
Alitalia N° 168 dal 1964
(LB) Domani lunedì 15 gennaio alle 8 del mattino circa (in Cile saranno le 4) Papa Francesco inizierà il suo VI Pellegrinaggio nel continente americano per visitare i Popoli e le Chiese di due Nazioni sudamericane: il Cile, dal 15 al 18 gennaio, e poi il Perù, dal 18 al 21. Sarà il Viaggio extra-italiano N° 22 del suo pontificato.
Il viaggio, con un velivolo Alitalia Boeing 777-200 ER, intitolato al Comune "Sestriere", sarà il più lungo del papato sino ad oggi: 12.123 chilometri e 13 ore e mezzo circa di volo secondo l'attuale piano di volo dell'Alitalia. L'atterraggio sull'Aeroporto internazionale di Santiago del Cile, intitolato “Comodoro Arturo Merino Benítez” o “Pudahuel”,  avverrà dunque alle 19.55, ora locale (in Italia 23.55). 
Come è ben noto l'aereo papale sorvolerà lo spazio aereo dell'Argentina. Si può ritenere, seppure in modo simbolico, un singolare ritorno di Jorge Mario Bergoglio al suo Paese natale da quando è stato eletto Papa il 13 marzo 2013.

Nell’Aeroporto “Leonardo Da Vinci” (Fiumicino) ai piedi della scalinata del velivolo AZ4000 (293 posti) il Santo Padre sarà accolto dal Commissario straordinario dell'Alitalia Luigi Gubitosi.
I quattro piloti, che insieme hanno oltre 60mila ore di volo, saranno: il comandante Andrea Gori, 56 anni, il comandante e capopilota Boeing 777, Nicola Marchioli, 54 anni e i primi ufficiali Thomas Angelina, 44 anni e Aldo Cagnoli, 50 anni.
***
Roma - Santiago del Cile - 11.924 km
Santiago del Cile - Temuco - 612 km
Santiago del Cile - Iquique - 1.761 km
Iquique - Lima - 1.169 km
Lima - Puerto Maldonado - 855 km
Lima - Trujillo - 488 km
Lima - Roma - 10.875 km