venerdì 11 agosto 2017

Vatican Insider
(Marco Roncalli) Indietro nei secoli, si trovano quelli che si allontanavano da Roma per sfuggire alla canicola, oppure battaglie navali, partite a biliardo e caccia ai cinghiali. Difficile stabilire con certezza quando, anche fra i vescovi di Roma, sia nata l’usanza delle vacanze estive. Andando indietro nei secoli sfogliando i pesanti tomi della «Storia dei papi» di Ludwig von Pastor, o il mitico «Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica» di Gaetano Moroni, troviamo indicati quelli che si allontanavano da Roma per sfuggire alla canicola, ma anche all’aria pessima, causa di malattie, dovuta ai troppi corsi d’acqua impaludati. «Roma divoratrice di uomini, ferace di febbri e di morti...», (...)