domenica 30 luglio 2017

Il Messaggero
Il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, è stato oggi il primo a votare per l'Assemblea Costituente che lui stesso ha convocato nel maggio scorso, e che l'opposizione ha respinto, definendola incostituzionale ed antidemocratica. Poco dopo le 6 del mattino, (mezzogiorno in Italia), Maduro si è presentato con la moglie, Cilia Flores - che è candidata alla Costituente - nel suo seggio elettorale nel quartiere di Catia, a Caracas, per assicurarsi di essere il primo venezuelano a partecipare nelle elezioni. «Ho voluto essere il primo a votare per la pace, l'indipendenza, la sovranità e la tranquillità del Venezuela del futuro», ha detto il presidente, aggiungendo che «non c'è nessun potere che possa impedire ai venezuelani di votare» e che la Costituente «sarà un super potere che servirà per andare verso la riconciliazione nazionale, la giustizia, la verità» e «superare i problemi che abbiamo attualmente». (...)