domenica 30 luglio 2017

(a cura Redazione "Il sismografo")
Domenica 23 luglio 2017 
 - "La pazienza significa preferire una Chiesa che è lievito nella pasta, che non teme di sporcarsi le mani lavando i panni dei suoi figli, piuttosto che una Chiesa di “puri”, che pretende di giudicare prima del tempo chi sta nel Regno di Dio e chi no."
Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
L’odierna pagina evangelica propone tre parabole con le quali Gesù parla alle folle del Regno dei cieli. Mi soffermo sulla prima: quella del grano buono e della zizzania, che illustra il problema del male nel mondo e mette in risalto la pazienza di Dio (cfr Mt 13,24-30.36-43). Il racconto si svolge in un campo con due opposti protagonisti. Da una parte il padrone del campo che rappresenta Dio e sparge il buon seme; dall’altra il nemico che rappresenta Satana e sparge l’erba cattiva.
Col passare del tempo, in mezzo al grano cresce anche la zizzania, e di fonte a questo fatto il padrone e i suoi servi hanno atteggiamenti diversi. I servi vorrebbero intervenire strappando la zizzania; ma il padrone, che è preoccupato soprattutto della salvezza del grano, si oppone dicendo: «Non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano» (v. 29).
Con questa immagine, Gesù ci dice che in questo mondo il bene e il male sono talmente intrecciati, che è impossibile separarli ed estirpare tutto il male. Solo Dio può fare questo, e lo farà nel giudizio finale. Con le sue ambiguità e il suo carattere composito, la situazione presente è il campo della libertà dei cristiani, in cui si compie il difficile esercizio del discernimento.
*** I saluti del Santo Padre dopo l'Angelus e il suo apello alla moderazione e al dialogo nella situazione di Gerusalemme
Cari fratelli e sorelle,
seguo con trepidazione le gravi tensioni e le violenze di questi giorni a Gerusalemme. Sento il bisogno di esprimere un accorato appello alla moderazione e al dialogo. Vi invito ad unirvi a me nella preghiera, affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace.
(Testo) 
Lunedì 24 luglio 2017 
*** Papa Francesco prega per Charlie (Lunedì 24 luglio 2016/)
Papa Francesco sta pregando per Charlie e per i suoi genitori e si sente particolarmente vicino a loro in questo momento di immensa sofferenza. Il Santo Padre chiede di unirci in preghiera perché possano trovare la consolazione e l’amore di Dio.
Traduzione in lingua inglese:
Pope Francis is praying for Charlie and his parents and feels especially close to them at this time of immense suffering. The Holy Father asks that we join in prayer that they may find God’s consolation and love.
Traducción en español:
Papa Francisco está rezando por Charlie y por sus padres y se siente particularmente cercano a ellos en este momento de inmenso sufrimiento. El Santo Padre pide de unirse en oración para que puedan tener consuelo y el amor de Dios (Il sismografo).

Martedì 25 luglio 2017
 *** Medaglia pontifica per il V anno di pontificato di Papa Francesco
A far data dal 28 luglio 2017, sarà disponibile presso l’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica dello Stato della Città del Vaticano e presso i locali della Libreria Editrice Vaticana la medaglia del V Anno di Pontificato di Sua Santità Francesco, la quale avrà le seguenti caratteristiche.
Sul dritto: Stemma di Papa Francesco. Intorno la scritta FRANCISCUS P.P. ANNO V MMXVII. Sotto, il nome dell’Artista.
Sala stampa della Santa Sede
Mercoledì 26 luglio 2017
*** Papa: nonni e anziani patrimonio di fede e umanità
“Quanto sono importanti i nonni nella vita della famiglia per comunicare il patrimonio di umanità e di fede essenziale per ogni società”. Con questo Tweet (pubblicato in 9 lingue dall’account @pontifex) Papa Francesco ricorda al mondo intero il ruolo centrale dei più anziani: custodi e baluardo di questa nostra tanto liquida quanto incerta società. Oggi, l’occasione è la memoria liturgica dei Santi Gioacchino e Anna, genitori di Maria e nonni di Gesù. Ma per Francesco gli "abuelos" (come si dice nella sua lingua) sono un pensiero costante. Impossibile dimenticare le sue parole rivolte ai 7mila aderenti all'Associazione Nazionale Lavoratori Anziani che incontrò in Aula Paolo VI il 15.10.2015 nel contesto della Festa dei Nonni:
Radio Vaticana 
Tweet della settimana
- "Quando abbiamo bisogno di aiuto, rivolgiamoci al Padre che sempre ci guarda con amore e non ci abbandona mai." (domenica 23 luglio 2017)
 - "Quanto sono importanti i nonni nella vita della famiglia per comunicare il patrimonio di umanità e di fede essenziale per ogni società!" (mercoledì 26 luglio 2017)
Tweet del Papa dopo la morte di Charlie (venerdì 28 luglio 2017)
"Affido al Padre il piccolo Charlie e prego per i genitori e le persone che gli hanno voluto bene."