sabato 22 luglio 2017

Radio Vaticana
(Marco Guerra) Coltivazioni biologiche di qualità, impianti di desalinizzazione per non depauperare le risorse idriche e allevamenti per la produzione di concime. È quanto prevede il progetto per l’Africa messo a punto da Giulio Rapetti Mogol, insieme ad un gruppo di esperti per fronteggiare l’emergenza emigrazione e dare un futuro dignitoso a milioni di giovani africani intenzionati a lasciare il Continente. L’autore dei testi delle canzoni più celebri d’Italia propone di utilizzare milioni di ettari di terreni non coltivati appartenenti ai vari Paesi africani che si affacciano sul Mediterraneo per trasformarli in orti e frutteti biologici. (...)