giovedì 29 giugno 2017

Vatican Insider
(Iacopo Scaramuzzi) Tornerà in Australia per rispondere in tribunale. Denuncia le fughe di notizie ai media e la character assassination. La Segreteria per l’Economia va avanti per gli affari ordinari. Il cardinale australiano George Pell, prefetto della Segreteria vaticana per l’Economia, incriminato in Australia per gravi reati sessuali, respinge le accuse e, con l’assenso del Papa, ha preso un periodo di congedo dal suo incarico in Vaticano per potersi recare in Australia e difendersi in tribunale. «Queste materie sono (...)