venerdì 30 giugno 2017

Corriere della Sera
(Luigi Accattoli) Accusato dalle malelingue di fare vita dispendiosa. Nell’aprile del 2013 Francesco lo ha voluto nel Consiglio dei nove cardinali incaricato di aiutarlo nel governo della Chiesa. Fu incaricato di ammodernare il governo dell’economia vaticana. Alto, massiccio, anglofono, incurante delle forme, esperto di economia: il cardinale Pell ricorda l’arcivescovo Marcinkus. Ma vanno segnalate vistose differenze: Marcinkus faceva vita sobria e non si occupava di governo della Chiesa, mentre Pell è accusato dalle malelingue (...)