sabato 17 giugno 2017

Vaticano
Bollettino della Sala stampa della Santa Sede. Udienze, rinunce, nomine. Chiese Orientali e Lettera al card. Poupard
Sala stampa della Santa Sede
Il Santo Padre Francesco ha ricevuto questa mattina in Udienza:
- S.E. la Signora Angela Merkel, Cancelliere della Repubblica Federale di Germania, con il Consorte, e Seguito;
- Em.mo Card. Marc Ouellet, P.S.S., Prefetto della Congregazione per i Vescovi;
- Em.mo Card. Chibly Langlois, Vescovo di Les Cayes (Haïti), con:
S.E. Mons. Roberto Octavio González Nieves, O.F.M., Arcivescovo di San Juan de Puerto Rico (Puerto Rico),
S.E. Mons. Gregorio Nicanor Peña Rodriguez, Vescovo di Nuestra Señora de la Altagracia en Higüey (Repubblica Dominicana).
Il Papa riceve questa mattina in Udienza:
- S.E. Mons. Santiago de Wit Guzmán, Arcivescovo tit. di Gabala, Nunzio Apostolico nella Repubblica Centrafricana e in Ciad, con i Familiari.
Il Santo Padre ha ricevuto ieri in Udienza:
- Em.mo Card. Angelo Amato, S.D.B., Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.

Lettera del Santo Padre all’Inviato Speciale alle celebrazioni del 700° anniversario dell’ “enclave” dei Papi ad Avignone (23-25 giugno 2017)
In data 22 aprile 2017, il Santo Padre Francesco ha nominato l’Em.mo Card. Paul Poupard, Presidente emerito del Pontificio Consiglio della Cultura, Suo Inviato Speciale alle celebrazioni del VII centenario dell’enclave dei Papi ad Avignone, in programma nei giorni 23-25 giugno 2017.
L’Em.mo Card. Paul Poupard sarà accompagnato da una Missione Pontificia composta dai seguente ecclesiastici:
- Rev.do Mons. Jean-Marie Gérard, Vicario Generale di Avignone
- Rev.do Can. Daniel Bréhier, Rettore della Cattedrale di Avignone
Pubblichiamo di seguito la Lettera del Santo Padre all’Inviato Speciale:
Lettera del Santo Padre
Venerabili Fratri Nostro
PAULO S.R.E. Cardinali POUPARD
Praesidi emerito Pontificii Consilii de Cultura
Suorum temporum variis condicionibus consideratis, Decessor Noster Ioannes XXII, qui ante fuerat etiam Archiepiscopus Avenionensis, Ecclesiae Catholicae electus Summus Pontifex, pro tempore in hac amoena Provinciae urbe sistere decrevit. Revera iam antea Praedecessor eius Clemens V ibidem suam Curiam collocaverat ipseque saepius moratus erat. Itaque Avenio beati Petri Successoribus quasi LXX per annos turbulento in aevo obtulit praesidium, unde Christi navem per historiae undas ducerent.
Cum autem septem saecula transacta sint a quo Ioannes XXII Civitatem Avenionensem sibi comparavit, videlicet ut iura Pontifici essent illic morandi, libere agendi aedesve exstruendi, hunc eventum congrue cupiens commemorare, Venerabilis Frater Ioannes Petrus Cattenoz, Archiepiscopus Avenionensis, humaniter petivit ut eminens Vir partes Nostras Avenione ageret.
Te ergo, Venerabilis Frater Noster, Praesidem emeritum Pontificii Consilii de Cultura, Galliae illustrem Filium itemque Ecclesiae venerandum Cardinalem, prorsus idoneum censemus, cui honorificam huiusmodi missionem fidenter concredamus. Quapropter his Litteris Nostrum Missum Extraordinarium te nominamus ut Avenione diebus XXIII-XXV mensis Iunii hoc anno Nostram geras Personam in festiva recordatione ibidem olim exstantis Sedis Pontificum septingentesima anniversaria memoria magno cum decore celebranda.
Dum ergo sollemnibus celebrationibus Nostro nomine praesidebis, fideles ibi praesentes cohortaberis ad filialem dilectionem Ecclesiae Catholicae et Successoris beati Petri, cui Dominus ipse affirmavit: “Et Ego dico tibi: Tu es Petrus, et super hanc petram aedificabo Ecclesiam meam; et portae inferi non praevalebunt adversum eam” (Mt 16,18). Rogabis quoque eos ut Nostrum pergrave ministerium ex corde pleno amoris orationibus ad Deum elevatis cotidie sustineant, “quia oculi Domini super iustos, et aures eius in preces eorum” (1 Pe 3,12). Nos verum toto animo tuam sustinebimus singularem missionem et iam nunc te, Venerabilis Frater Noster, committimus amantissimae tutelae Sanctae Dei Genetricis Virginis Mariae, Matris Ecclesiae ac Reginae Pacis.
Benedictionem denique Apostolicam, supernae gratiae auspicem atque Nostrae benevolentiae testem, Avenionensi sedulo Pastori, cunctis adstantibus Episcopis, sacerdotibus,
religiosis viris et mulieribus, christifidelibus laicis, publicis auctoritatibus omnibusque eventuum participibus nomine Nostro ex toto corde largiaris volumus. Ex Aedibus Vaticanis, die XVIII mensis Maii, anno MMXVII, Pontificatus Nostri quinto.
FRANCISCUS
Rinunce e nomine
Rinuncia e successione dell’Arcivescovo di San Juan de Cuyo (Argentina)
Nomina dell’Inviato Speciale alla celebrazione del centenario della nascita del Beato Vescovo Oscar Romero (San Salvador, El Salvador, 15 agosto 2017)
Rinuncia e successione dell’Arcivescovo di San Juan de Cuyo (Argentina)
Il Santo Padre Francesco ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’arcidiocesi di San Juan de Cuyo (Argentina), presentata da S.E. Mons. Alfonso Rogelio Delgado Evers.
Gli succede S.E. Mons. Jorge Eduardo Lozano, finora Vescovo Coadiutore della medesima arcidiocesi.
Nomina dell’Inviato Speciale alla celebrazione del centenario della nascita del Beato Vescovo Oscar Romero (San Salvador, El Salvador, 15 agosto 2017)
Il Papa ha nominato l’Em.mo Card. Ricardo Ezzati Andrello, S.D.B., Arcivescovo di Santiago de Chile, Suo Inviato Speciale alla celebrazione del centenario della nascita del Beato Vescovo Oscar Romero, in programma a San Salvador (El Salvador) il 15 agosto 2017.
Dalle Chiese Orientali
Nomina del Vescovo Eparchiale di Saïdā dei Maroniti (Libano)
Il Sinodo dei Vescovi della Chiesa patriarcale maronita ha eletto Vescovo eparchiale di Saïdā dei Maroniti (Libano) S.E. Mons. Maroun Ammar, finora Amministratore Apostolico sede vacante della medesima Eparchia.
S.E. Mons. Maroun Ammar
S.E. Mons. Maroun Ammar è nato a Hajé, nel sud del Libano, il 10 febbraio 1956. Dopo aver compiuto gli studi secondari al Seminario Minore di Ghazir, ha continuato la formazione filosofica e teologica all’Università “Saint Esprit” di Kaslik, conseguendo la licenza in teologia (1982).
È stato ordinato sacerdote il 17 settembre del 1983 per l’Eparchia di Tiro dei Maroniti. Ha conseguito la licenza in lingua e letteratura araba all’Università Libanese (1986); il dottorato in diritto canonico all’Institut Catholique di Parigi nel 1994 ed un diploma sulla legislazione europea e fino al 1986 è stato uno degli animatori del Seminario Minore di Ghazir. In tale periodo, ha prestato servizio domenicale nella parrocchia “Saint Georges” di Sarba. Dal 1986 al 1991 è stato parroco di “Notre Dame” ad Alma Chaab nella diocesi di Tiro; dal 1991 al 1995 collaboratore nella parrocchia “Saint Médard” di Parigi. Nel 1996 è stato nominato Presidente del Tribunale Maronita di Haifa in Israele. Dal 1997 al 2007 è stato responsabile dell’anno propedeutico al Seminario Maggiore di Ghazir, dove dal 2007 è divenuto Rettore. È giudice della Corte d’Appello del Tribunale Maronita del Libano dal 1997.
Nel 2008 è stato insignito del titolo di Corepiscopo.
Nel 2012, è stato eletto Vicario Patriarcale di Joubbé (Libano), Vescovo Tit. di Canata.
Da gennaio 2017, è Amministratore Apostolico sede vacante dell’Eparchia di Saïdā. Parla l’arabo ed il francese.