lunedì 5 giugno 2017

Corriere della Sera
(Antonio Ferrari) Lo scontro tra Egitto, Arabia, Emirati e Bahrein da una parte, e Qatar dall’altra, alza il sipario su uno dei più mefitici retroscena del terrorismo jihadista. Prima o poi il momento doveva arrivare. L’Emirato del Qatar, che scoppia letteralmente di miliardi, è finito all’indice, isolato come portatore, finanziatore e sostenitore della peste più terribile: il terrorismo internazionale. A isolarlo, con una decisione davvero clamorosa, non è l’Occidente, e cioè i tanti Paesi che ingrassano tessendo fruttuosi rapporti con Doha (...)