venerdì 2 giugno 2017

Italia
Avvenire
Si è aperta ieri a Milano per proseguire fino a domenica la festa nazionale per i 500 anni della  Riforma di Lutero promossa dai protestanti italiani. A scandire le quattro giornate saranno i principi  fondamentali della Riforma del XVI secolo: sola Scrittura, solo Cristo, sola grazia e sola fede. Al  centro della manifestazione, che volutamente si svolge in diverse parti della città – spiega l’agenzia  Nev –, saranno i temi che oggi caratterizzano maggiormente la testimonianza evangelica in Italia,  quali: l’accoglienza e l’integrazione dei migranti, la laicità e la libertà religiosa, il dialogo  ecumenico e interreligioso, la violenza contro le donne, i diritti di cittadinanza, il bene comune,  l’identità di genere. Ieri, la riflessione su “Sola Scriptura” è stato accompagnato dall’apertura della  mostra “La Bibbia di Giovanni Diodati” della Società biblica britannica e forestiera. Oggi invece la  giornata dedicata al “Solus Christus”, prevede incontri con la Chiesa evangelica luterana in Italia  (Celi); iniziative per bambini con “La Riforma dei giovanissimi”; incontri su “Fede e identità di  genere”. Nel pomeriggio si svolgerà una “Bolla del silenzio” per denunciare la violenza sulle donne. La giornata si concluderà presso lo storico teatro Dal Verme con “La notte dei cori”. Domani,  giornata della “Sola Gratia”, si aprirà con l’incontro “500 e non sentirli”, al parco Sempione, con  ragazzi e ragazze della Federazione giovanile evangelica italiana (Fgei). In parallelo, al teatro Dal  Verme, gli appuntamenti di Essere chiesa insieme (ECi) sull’intercultura e della Federazione delle  donne evangeliche in Italia (Fdei) sulle donne nella Riforma. Dopo pranzo, il corteo da piazza  Duomo fino al teatro Dal Verme, dove si terrà il culto evangelico di Pentecoste. Parteciperà  l’arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola. Ad accompagnarlo monsignor Luca Bressan,  vicario episcopale per la cultura, la carità, la missione e l’azione sociale e il diacono Roberto  Pagani, responsabile del Servizio diocesano per l’ecumenismo. Dopo il culto, il programma prevede una preghiera di Pentecoste organizzata dal Consiglio delle  Chiese cristiane di Milano, a cui parteciperanno, assieme al cardinale Scola, gli archimandriti e i  preti delle Chiese ortodosse. Verrà distribuito il pane della festa, in continuità ideale con il gesto  interrotto dall’esplosione che la Domenica delle Palme ha devastato la chiesa copta di San Marco ad Alessandria d’Egitto, lasciando decine di morti e feriti. A seguire, spettacolo teatrale sulle 95 tesi di  Lutero. Domenica, infine, all’insegna della “Sola Fide”, le chiese resteranno aperte per i culti domenicali  con i battesimi presso le varie comunità evangeliche della città. Parallelamente, nella centralissima  piazza Cordusio è visitabile la mostra allestita a cura del Centro culturale protestante, con i disegni  del giovane illustratore Matteo Mancini, che raccontano il protestantesimo mondiale di ieri e di  oggi.