venerdì 30 giugno 2017

Italia
Caso Charlie, Cei: "Disumano stabilire chi ha diritto a vivere e chi no"
adnkronos
E' "disumano arrivare a stabilire chi ha diritto a vivere e chi no". Don Carmine Arice, direttore dell'Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute della Cei, interpellato dall'Adnkronos sul caso di Charlie, il bimbo inglese di dieci mesi nato con una rara malattia genetica che morirà in queste ore per decreto della Corte europea dei diritti umani, guarda con grande preoccupazione alla vicenda che arriva dall'Inghilterra. (...)