mercoledì 14 giugno 2017

Camerun
Conferenza episcopale: mons. Jean Marie Benoît Bala, vescovo di Bafia, è stato assassinato

(a cura Redazione "Il sismografo")
(LB) I vescovi del Camerun, riuniti in Assemblea plenaria straordinaria per analizzare la tragica e strana morte del vescovo di Bafia, mons. Jean Marie Benoît Bala, nella loro dichiarazione finale sono chiari e non hanno nessun dubbio: il presule non si è suicidato e dunque la sua morte può ritenersi frutto malvaggio di un crimine. In altre parole: "mons. Bala è stato brutalmente assassinato". La sua morte, per i presuli "è un nuovo omicidio in Camerun (...) dove il clero è particolarmente perseguitato da forze oscure e malvagie".
I vescovi del Camerun, che offrono nel loro documento diversi dettagli sulle circostanze della morte del vescovo di Bafia, concludono ricordando altre morte misteriose o non chiarite. Per citarne solo alcune il documento ricorda: mons Yves Plumey (Ngaoundéré - 1991), padre Joseph Mbassi (Yaoundé - 1988), padre Antony Fontegh (Kumbo-1990), le Suore di Djoum - Marie Germaine e Marie Léone - (1992), padre Engelbert Mveng (Yaoundé - 1995).