giovedì 29 giugno 2017

Repubblica.it
All'ex arcivescovo di Melbourne e ora prefetto degli Affari economici del Vaticano sarebbe contestata anche l'accusa di stupro.  Il cardinale australiano George Pell, già arcivescovo di Melbourne e poi di Sydney e ora prefetto degli Affari economici del Vaticano, è stato incriminato per gravi reati sessuali. Lo riferisce il Sydney Morning Herald online. La polizia australiana ha confermato la notizia.I reati contestati sono almeno tre, fra cui un'accusa di stupro. L'annuncio è destinato a suscitare violente reazioni nella Chiesa cattolica d'Australia e del mondo, osserva il quotidiano australiano. (...)
(en) Australian Cardinal and Aide to Pope Is Charged With Sexual Assault (Jacqueline Williams, The New York Times)