lunedì 22 maggio 2017

Vaticano
La Stampa
(Andrea Tornielli) Mercoledì il presidente Usa atterrerà a Roma proveniente da Israele. Nominata Callista Gingrich ambasciatrice presso la Santa Sede. L’udienza tra Papa Bergoglio e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avverrà mercoledì alle 8.30. Alle 8.30 di mercoledì 24 maggio Oltretevere due americani si stringeranno la mano per la prima volta. L’udienza del Presidente Donald Trump con il Papa argentino è stata in forse per alcuni mesi e fino a tre settimane fa nessuna richiesta era stata avanzata dalla Casa Bianca. Anzi, si era diffusa l’indiscrezione che Trump in realtà avesse deciso di soprassedere. Voci che coglievano nel segno. A cambiare le cose sono stati il lavoro paziente di alcuni consiglieri del Presidente e precisi segnali giunti dal Vaticano.
Chi si è mosso fin dall’inizio per favorire il contatto, in accordo con il nunzio negli Usa, Christoph Pierre, e la Segreteria di Stato vaticana, è stato il cardinale Donald Wuerl, arcivescovo di Washington. La via per il primo approccio ufficioso con la nuova amministrazione è passata attraverso il mondo evangelico nel contesto del National Prayer Breakfast del quale è parte attiva il vicepresidente Mike Pence. Anche per questo il presidente del movimento Rinnovamento nello Spirito, l’italiano Salvatore Martinez, che quel mondo conosce e frequenta, si è recato più volte negli Usa per contribuire a sciogliere il ghiaccio. I due personaggi chiave, tra i consiglieri di Trump, sono i pastori evangelici Jay Strack e Paula White.
Il 13 marzo scorso l’incontro decisivo, con il nunzio e il cardinale Wuerl, presso la nunziatura di Washington, al quale partecipano alcuni dei consiglieri di Trump. Da parte della Santa Sede viene fatto sapere che il Papa è pronto ad accordare l’udienza. Ma l’inquilino della Casa Bianca, impegnato su vari fronti nazionali e internazionali, non sembra interessato. Fino a che, il 19 aprile, il suo portavoce Sean Spicer annuncia: «Contatteremo il Vaticano» per organizzare un’udienza. A stretto giro, il Sostituto della Segreteria di Stato Angelo Becciu dichiara che Francesco «è sempre disponibile ad accogliere i capi di Stato che gli fanno domanda di udienza». Gli Stati Uniti in quel momento non hanno ancora nominato l’ambasciatore presso la Santa Sede (è stata designata soltanto sabato Callista Gingrich). Anche su questo, però, dal Vaticano arrivano segnali precisi: non è un problema.
Ciononostante, per altri dieci giorni, il telefono non squilla. Si arriva così al 29 aprile, quando il Papa di ritorno dall’Egitto ribadisce: «Ricevo ogni capo di Stato che chiede udienza», aggiungendo però che fino a quel momento non c’erano richieste.
Dopo questo ennesimo semaforo verde, all’inizio di maggio, arriva la telefonata della Casa Bianca insieme a una richiesta formale scritta. Anche Trump lancia dei segnali: l’incontro con Francesco viene messo in agenda dopo le visite in Arabia Saudita e Israele. Il Presidente va dal Pontefice per incontrare un leader religioso più che un capo di Stato, dopo essersi recato dagli alleati del mondo musulmano e del mondo ebraico. Trump si sta preparando soprattutto ad ascoltare: non ha voluto studiare dossier come avviene per altri incontri con capi di Stato, i suoi collaboratori stanno ultimando un video per presentargli chi è Francesco.
Dopo le scintille del febbraio 2016, quando il Papa aveva detto che «una persona che pensa soltanto a fare muri non è cristiana», i toni da parte vaticana si sono molto smorzati. Francesco non si è fatto più trascinare in polemiche. Sul volo di ritorno da Fatima ha ribadito: «Io mai faccio un giudizio su una persona senza ascoltarla». Le posizioni appaiono radicalmente diverse, dal tema dell’immigrazione a quello della difesa dell’ambiente. Il Vaticano spera che gli Usa possano favorire la pace in Medio Oriente e aumentare gli aiuti ai Paesi poveri. L’imprevedibile Trump si troverà di fronte a un interlocutore aperto, franco e disposto ad ascoltarlo. Difficile fare previsioni.