giovedì 25 maggio 2017

Aci stampa
(Andrea Gagliarducci) Con un congresso internazionale dell’Apostolato del Mare a Taiwan, dall’1 al 7 ottobre, la Santa Sede alzerà la voce – tra le poche organizzazioni internazionali a farlo – sul problema del “traffico di esseri umani” e delle nuove schiavitù che sono legate al mondo della pesca. Ed è un congresso che ha vari significati. Innanzitutto, per le presenze. La Santa Sede vi porta due cardinali, Peter Turkson, prefetto del Dicastero per il Servizio allo Sviluppo Umano Integrale, e Charles Bo, di Myanmar, che ha facilitato (...)