sabato 27 maggio 2017

Italia
Papa Francesco a Genova. Incontro con i giovani. Santuario N. S. della Guardia. Saluto del Card. Angelo Bagnasco
Sala stampa della Santa Sede
Santo Padre, nel “Santuario principe della ligure terra”, come il Suo venerato predecessore, Benedetto XV, scrisse, una significativa rappresentanza dei giovani di Genova e delle altre Diocesi L’accoglie con gioia, entusiasmo e riconoscenza. Vorremmo che sentisse – insieme alla nostra devozione alla Santa Vergine, anche l’amore turbolento e allegro del mondo giovanile per Lei, Successore dell’Apostolo Pietro.
Essi guardano a Lei con simpatia e affetto, come a riferimento sicuro e lieto per seguire il Signore che chiama ciascuno per nome, e che vuole realizzare con loro un capolavoro. Il Sinodo dei giovani, che Lei ha voluto, riempie tutti di gioia e speranza: i giovani davanti a Lei vogliono partecipare nelle forme possibili, e portare un contributo che aiuti il mondo a pensare e sognare in grande. 
Lo scorso anno, Genova ha avuto la gioia di ospitare, e vivere, il grande evento del Congresso Eucaristico Nazionale: il tema era “L’Eucaristia, sorgente della missione”. Ebbene, la parola non è passata invano. Si è costituito un nutrito gruppo di giovani che si sono preparati ad “uscire” per essere missionari del Vangelo nei loro ambienti di vita: è in atto la missione dei giovani ai giovani dal titolo “gioia piena”, che echeggia la Sua Esortazione “La gioia del Vangelo”. Adesso Lei, Padre Santo, ascolterà le loro parole e tutti noi accoglieremo le Sue meditandole, come Maria, nel nostro cuore. 
Angelo Card. Bagnasco 
Arcivescovo di Genova