giovedì 18 maggio 2017

Italia
Istat: una società di impiegati e pensionati, dove i giovani restano al palo
SIR
(Stefano De Martis) La società italiana è cambiata così profondamente che, per cercare di analizzarla con la migliore approssimazione possibile, l’Istat ha provato a mettere da parte le tradizionali categorie sociali e a descriverla individuando – dati alla mano – nove gruppi sociali. Il quadro complessivo che risulta dal Rapporto annuale 2017 non è molto diverso da quello che si è abituati a considerare: una società di impiegati e pensionati, che invecchia sempre di più, con troppi giovani che non hanno lavoro e restano a casa con i genitori; una società in cui crescono le disuguaglianze, in cui aumenta la polarizzazione tra benestanti e poveri, effettivi o potenziali, e in cui fare figli aumenta automaticamente il rischio povertà; (...)