giovedì 18 maggio 2017

Egitto
I salafiti difendono il predicatore islamico sotto accusa per aver definito “infedeli” i cristiani e gli ebrei
Fides
Il Servizio egiziano di indagini per la Sicurezza dello Stato ha cominciato la sua investigazione sul caso dello sheikh Salem Abdul Jalil, indagato per il reato di “vilipendio alla religione” per aver definito cristiani e ebrei come “infedeli” e seguaci di dottrine “corrotte”. (...)