venerdì 21 aprile 2017

Repubblica.it
I giudici ne hanno vietato l'attività in tutto il territorio russo, confiscando i beni dell'organizzazione. La Russia mette al bando i Testimoni di Geova: lo ha deciso la Corte suprema di Mosca con una dura sentenza che ne ha vietato ogni attività sul territorio russo e confiscato tutti i beni a favore dello Stato. L'accusa? Essere una organizzazione religiosa "estremista".  Soddisfatto il governo centrale perchè, secondo quanto riporta l'agenzia Tass, i giudici hanno accolto una richiesta in tal senso del ministero della Giustizia. (...)