martedì 18 aprile 2017

SIR
L’amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme: “Nessuna parola di odio e disprezzo, nessuna reazione violenta” - “La vita che noi oggi qui celebriamo, con cinismo e arroganza viene ogni giorno disprezzata e umiliata”, in Siria, in Iraq, Yemen, in Egitto, in Terra Santa. Il ricordo di “tutte le situazioni di morte che ci avvolgono” è risuonato domenica 16 aprile, dalla basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme, dove l’amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, monsignor Pierbattista Pizzaballa, ha celebrato la messa di Pasqua. Nell’omelia - rilanciata dal Sir - mons. Pizzaballa, parlando del “mistero per eccellenza, la risurrezione”, ha affermato che “non c’è luogo della nostra storia che non possa essere luogo di incontro con Dio”. Una consapevolezza che (...)