martedì 18 aprile 2017

Avvenire
(Agostino Giovagnoli) Un vescovo fedele al Papa ha potuto di nuovo celebrare pubblicamente ors et Vita duello conflixere mirando. MMorte e Vita si sono affrontate in un duello straordinario: il Signore della vita era morto, ora regna vivo. Così canta un inno della notte di Pasqua. Anche quest' anno, tanti cattolici cinesi hanno celebrato la Resurrezione del Signore e molti catecumeni hanno ricevuto il battesimo. Per la prima volta dal 2012, il vescovo ausiliare di Shanghai, Taddeo Ma Daqin, ha potuto celebrare pubblicamente la Pasqua. Anche questi sono segni di Resurrezione. Ma il Risorto mostra ancora nel corpo i segni della morte. Ma Daqin non ha potuto celebrare nella sua diocesi, ma a Mindong, insieme al vescovo Zhan Silu, non riconosciuto da Roma. (...)