domenica 5 marzo 2017

Vaticano
Domenica 5 marzo: la giornata del Papa
(a cura Redazione "Il sismografo")
*** Angelus di Papa Francesco
- "Se avessimo la Parola di Dio sempre nel cuore, nessuna tentazione potrebbe allontanarci da Dio e nessun ostacolo ci potrebbe far deviare dalla strada del bene"
Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
In questa prima domenica di Quaresima, il Vangelo ci introduce nel cammino verso la Pasqua, mostrando Gesù che rimane per quaranta giorni nel deserto, sottoposto alle tentazioni del diavolo (cfr Mt 4,1-11). Questo episodio si colloca in un momento preciso della vita di Gesù: subito dopo il battesimo nel fiume Giordano e prima del ministero pubblico. Egli ha appena ricevuto la solenne investitura: lo Spirito di Dio è sceso su di Lui, il Padre dal cielo lo ha dichiarato «Figlio mio, l’amato» (Mt 3,17).

Gesù è ormai pronto per iniziare la sua missione; e poiché essa ha un nemico dichiarato, cioè Satana, Lui lo affronta subito, “corpo a corpo”. Il diavolo fa leva proprio sul titolo di “Figlio di Dio” per allontanare Gesù dall’adempimento della sua missione: «Se tu sei Figlio di Dio…», gli ripete (vv. 3.6), e gli propone di fare gesti miracolosi, come trasformare le pietre in pane per saziare la sua fame, e buttarsi giù dalle mura del tempio facendosi salvare dagli angeli. A queste due tentazioni, segue la terza: adorare lui, il diavolo, per avere il dominio sul mondo (cfr v. 9).
Mediante questa triplice tentazione, Satana vuole distogliere Gesù dalla via dell’obbedienza e dell’umiliazione – perché sa che così il male sarà sconfitto – e portarlo sulla falsa scorciatoia del successo e della gloria. Ma le frecce velenose del diavolo vengono tutte “parate” da Gesù con lo scudo della Parola di Dio (vv. 4.7.10) che esprime la volontà del Padre. E così il Figlio, pieno della forza dello Spirito Santo, esce vittorioso dal deserto.
(Testo)
Saluti dopo l’Angelus

Cari fratelli e sorelle,
rivolgo un cordiale saluto alle famiglie, ai gruppi parrocchiali, alle associazioni e a tutti i pellegrini venuti dall’Italia e da diversi Paesi.
Saluto i fedeli provenienti dalle diocesi di Madrid, Córdoba e Varsavia; come quelli di Belluno e Mestre. Saluto i ragazzi del decanato di Baggio (Milano) e quelli partecipanti all’incontro promosso dalle Maestre Pie Filippini.
Da pochi giorni abbiamo iniziato la Quaresima, che è il cammino del Popolo di Dio verso la Pasqua, un cammino di conversione, di lotta contro il male con le armi della preghiera, del digiuno, e delle opere di carità. 
Auguro a tutti che il cammino quaresimale sia ricco di frutti; e vi chiedo un ricordo nella preghiera per me e per i collaboratori della Curia Romana, che questa sera inizieremo la settimana di Esercizi Spirituali. Grazie di cuore per questa preghiera che farete.
E, per favore, non dimenticate – non dimenticate! – cosa succederebbe se trattassimo la Bibbia come trattiamo il nostro telefono cellulare. Pensate a questo. La Bibbia sempre con noi, vicino a noi!
Vi auguro buona domenica! Buon pranzo! Arrivederci!
*** Esercizi spirituali del Santo Padre e della Curia Romana - Ariccia - Casa Divin Amore.
Il quarto periodo di Esercizi spirituali di Quaresima di Papa Francesco
(Luis Badilla - ©copyright) Oggi, verso le 15.30 circa Papa Francesco e i suoi più stretti collaboratori della Curia romana, nel tradizionale pullman e per la quarta volta, torna alla Casa dei paolini il Divin Amore di Ariccia per i suoi Esercizi spirituali di Quaresima. Lo ha già fatto, cambiando l'abitudine di celebrare questo periodo  di preghiera, digiuno e riflessione dentro le Mura vaticana, nel 2013, 2014, 2015 e 2016. In passato i Predicatori di questi esercizi sono stati P. Angelo De Donatis, oggi vescovo ausiliare di Roma (2014), P. Bruno Secondin (2015), P. Ermes Ronchi (2016). Ora il Predicatore sarà p. Giulio Michelini.
(Servzio)
Tweet
- "Chiedo per favore un ricordo nella preghiera per me e i miei collaboratori, che fino a venerdì faremo gli Esercizi Spirituali."