giovedì 23 febbraio 2017

Vaticano
Giovedì 23 febbraio. La giornata del Papa
(a cura redazione "Il sismografo")
*** Udienze
*** Udienza ai Dirigenti ed ai Calciatori della squadra “Villarreal CF”. Discorso del Santo Padre (testo in spagnolo)
Alle ore 10 di questa mattina, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico Vaticano, il Santo Padre Francesco riceve in udienza i Dirigenti ed i Calciatori della squadra “Villarreal CF”, giunta a Roma per giocare una partita della ”Europa League 2017”. Pubblichiamo di seguito il discorso che il Papa rivolge ai presenti nel corso dell’udienza
(Testo) (Testo in italiano a cura dell'Osservatore Romano)
*** Udienza al Rabbino Abraham Skorka per la presentazione di una speciale edizione della Torah, con il Gruppo editoriale. Saluto del Santo Padre
Alle ore 11.40 di questa mattina, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico Vaticano, il Santo Padre Francesco riceve in udienza il Rabbino Abraham Skorka per la presentazione di una speciale edizione della Torah, con il Gruppo editoriale. Pubblichiamo di seguito il saluto che il Papa rivolge ai presenti nel corso dell’incontro
(Testo) 
*** Comunicato Elemosineria apostolica 
Su espressa indicazione del Papa, l'Elemosineria Apostolica si è recata in questi giorni nelle zone terremotate dell'Italia centrale per acquistare dai piccoli rivenditori, fortemente in difficoltà a causa del sisma, prodotti alimentari tipici delle aree colpite. 
(Testo)
*** Messa a Santa Marta 
Lo «scandalo» di chi si professa cristiano e poi mostra il suo vero volto con una vita che cristiana non è per nulla; e la controtestimonianza di chi «sfrutta» e «distrugge» le vite degli altri fingendo di essere un buon cattolico. Su questo questo si è incentrata la messa celebrata giovedì 23 febbraio a Santa Marta da Papa Francesco, il quale, commentando le severe parole usate da Gesù nel Vangelo, ha chiamato alla conversione i protagonisti di certe «doppie vite». 
(L'Osservatore Romano) 
Tweet 
"Non sottovalutiamo il valore dell’esempio perché ha più forza di mille parole, di migliaia di “likes” o retweets, di mille video su youtube"