mercoledì 16 novembre 2016

Vaticano
Udienza generale. I saluti del Santo Padre ai fedeli e pellegrini di lingua italiana. Il ricordo delle popolazioni colpite dai terremoti
(a cura Redazione "Il sismografo")
Rivolgo un cordiale benvenuto ai pellegrini di lingua italiana. Saluto la Federazione Maestri del lavoro, che ricorda il sessantesimo di fondazione ed auspico che la ricorrenza contribuisca a favorire l’inclusione sociale ed economica, specialmente delle fasce più deboli della popolazione.
Saluto la Comunità dei Figli di Dio di Firenze; la Croce Rossa di Spoltore; l’Associazione “Arance di Natale” di Camisano Vicentino; i gruppi parrocchiali e gli studenti. Nell’imminenza della fine del Giubileo Straordinario ciascuno ricordi quanto è importante essere Misericordiosi come il Padre e che l’amore verso i fratelli ci rende più umani e più cristiani.
Porgo un saluto speciale ai giovani, ai malati e agli sposi novelli. Nel mese di Novembre la liturgia ci invita alla preghiera per i defunti. Non dimentichiamo quanti ci hanno voluto bene e ci hanno preceduto nella fede, come anche coloro dei quali nessuno si ricorda: il suffragio nella Celebrazione Eucaristica è il miglior aiuto spirituale che noi possiamo offrire alle loro anime. 
Ricordiamo con particolare affetto le vittime del recente terremoto nel Centro Italia: preghiamo per loro e per i familiari e continuiamo ad essere solidali con quanti hanno subito dei danni.