sabato 19 novembre 2016

*** Rinunce e nomine
*** Concistoro Ordinario Pubblico per la creazione di 17 nuovi Cardinali. Omelia del Santo Padre
- "Proveniamo da terre lontane, abbiamo usanze, colore della pelle, lingue e condizioni sociali diversi; pensiamo in modo diverso e celebriamo anche la fede con riti diversi. E niente di tutto questo ci rende nemici, al contrario, è una delle nostre più grandi ricchezze"
- "Caro fratello neo Cardinale, il cammino verso il cielo inizia nella pianura, nella quotidianità della vita spezzata e condivisa, di una vita spesa e donata. Nel dono quotidiano e silenzioso di ciò che siamo. La nostra vetta è questa qualità dell’amore; la nostra meta e aspirazione è cercare nella pianura della vita, insieme al Popolo di Dio, di trasformarci in persone capaci di perdono e di riconciliazione."
Alle ore 11 di questa mattina, nella Basilica Vaticana, il Santo Padre Francesco tiene un Concistoro Ordinario Pubblico per la creazione di 17 nuovi Cardinali, per l’imposizione della berretta, la consegna dell’anello e l’assegnazione del Titolo o Diaconia. In apertura di Concistoro, l’Arcivescovo titolare di Zuglio e Nunzio Apostolico in Siria, Mario Zenari, primo tra i nuovi Cardinali, rivolge al Papa un indirizzo di saluto e gratitudine, a nome di tutti i neo-porporati.
La celebrazione inizia con il saluto, l’orazione e la lettura di un passo del Vangelo secondo Luca (6, 27-36). Quindi il Papa pronuncia la sua omelia.
Il Santo Padre legge poi la formula di creazione e proclama solennemente i nomi dei nuovi Cardinali, annunciandone l’Ordine presbiterale o diaconale. Il Rito prosegue con la professione di fede dei nuovi Cardinali davanti al popolo di Dio e il giuramento di fedeltà e obbedienza a Papa Francesco e ai Suoi successori.
I nuovi Cardinali, secondo l’ordine di creazione, si inginocchiano poi dinanzi al Santo Padre che impone loro lo zucchetto e la berretta cardinalizia, consegna l’anello e assegna a ciascuno una chiesa di Roma quale segno di partecipazione alla sollecitudine pastorale del Papa nell’Urbe.
Dopo la consegna della Bolla di creazione cardinalizia e di assegnazione del Titolo o della Diaconia, il Santo Padre Francesco scambia con ciascun neo Cardinale l’abbraccio di pace. Di seguito riportiamo l’omelia che il Santo Padre Francesco pronunciata nel corso del Concistoro:
Omelia del Santo Padre
Il brano del Vangelo che abbiamo appena ascoltato (cfr Lc 6,27-36), molti lo hanno chiamato “il discorso della pianura”. Dopo l’istituzione dei Dodici, Gesù discese con i suoi discepoli dove una moltitudine lo aspettava per ascoltarlo e per farsi guarire. La chiamata degli Apostoli è accompagnata da questo “mettersi in cammino” verso la pianura, verso l’incontro con una moltitudine che, come dice il testo del Vangelo, era “tormentata” (cfr v. 18). 
[Text: Italiano, English, Español, Français, Português]
*** I neo cardinali incontrano Benedetto XVI 
Dopo il Concistoro nella Basilica San Pietro, i neo cardinali hanno voluto recarsi, guidati da  Papa Franceso, al monastero Mater ecclesiae per incontrare Benedetto XVI. L'Osservatore Romano racconta che nel cortile Francesco è stato accolto dall’arcivescovo Georg Gänswein, mentre il predecessore attendeva nella cappella. Dopo un lungo abbraccio con il suo successore, Benedetto XVI ha abbracciato uno a uno i neoporporati. Infine, invitato da Francesco, il Papa emerito ha guidato la preghiera e impartito la benedizione.
Tweet
- "La misericordia di Dio verso di noi è legata alla nostra misericordia verso il prossimo."