giovedì 10 novembre 2016

Vaticano
«Così scrivo le mie omelie ispirandomi a Dostoevskij»
Corriere della Sera
(Antonio Spadaro) La scelta del brano e gli appunti, il Papa al lavoro a Santa Marta: «Leggo ad alta voce e sottolineo. Se mi mancano le idee, ci dormo su» -- «Qual è la differenza tra un’omelia e una conferenza?» gli chiedo. «L’omelia è l’annuncio della Parola di Dio, la conferenza è la spiegazione della Parola di Dio. L’omelia è l’annuncio, è fare l’angelo. La conferenza è fare il dottore». (...)