mercoledì 9 novembre 2016

Corriere della Sera
I risultati dello spoglio danno il candidato repubblicano già proiettato verso Washington. I repubblicani mantengono anche il controllo di Camera e Senato. Ripercussioni sui mercati. Obama: «Qualunque cosa succeda il sole sorgerà». Contro le previsioni della vigilia, Donald Trump si appresta a diventare il 45esimo presidente degli Stati Uniti. Il risultato del voto non lascia molti margini di dubbio: il tycoon ha conservato le roccaforti repubblicane, ha vinto il confronto negli swing state - in particolare in Ohio e Florida - ed è persino riuscito a fare propri alcuni Stati che sulla carta erano già conteggiati in quota ai democratici. (...)