domenica 20 novembre 2016

Zenit
(Pietro Messa) In questo Giubileo della misericordia una particolare attenzione è stata prestata al Santo d’Assisi e ciò non meraviglia sia perché il Papa porta il nome pontificio dell’Assisiate ma anche a motivo del famoso episodio che lo vuole baciare un lebbroso. Inoltre gli studi recenti hanno fatto emergere sempre più che determinante nel suo cambiamento di vita fu proprio la misericordia esercitata verso i lebbrosi (cfr. P. Martinelli, Francesco d’Assisi e la misericordia, Bologna 2015) più che la povertà. In quest’anno non senza ragione si è affermato che sarebbe bene tralasciare la tradizionale denominazione “il Poverello” per sostituirla più adeguatamente con “il Misericordioso”. (...)